Ultim'ora

TRA PAROLE E MUSICA NASCE PER MAGIA “UN BEL FATTO FESTIVAL”

di Dalia Coronato

Quando l’estate è in anticipo e il vento accarezza l’ora più fresca della giornata, la massima aspirazione della serata è indubbiamente quella di godere di un bel panorama, respirare buona musica ed immergersi negli angoli nascosti della letteratura e della raffigurazione artistica. Lo sanno bene Paola Salvetti e Sossio Lupoli, che con il loro impegno danno avvio ad una rassegna di arte, musica e scrittura che ci accompagnerà nei prossimi mesi estivi.

Inizia “Un bel fatto festival”e i protagonisti della prima serata non hanno bisogno di molte presentazioni. Il noto attore Tony Laudadio – dopo aver presentato il suo ultimo libro alla Feltrinelli di Caserta – è pronto a replicare raccontando, attraverso “la parola, sorella stronza della musica”, la storia di Emanuele, un sassofonista senzatetto che rinuncia a qualsiasi legame scegliendo come unico compagno di vita il sax e come unica fonte di ispirazione il jazz. Preludio a un bacio” non è soltanto il titolo della canzone del compositore americano Duke Ellington, ma è anche un monologo ambientato in strada, scritto in prima persona dall’attore casertano proprio per farci vivere ricordi, rimpianti e situazioni imbarazzanti che circondano l’esistenza del protagonista. La vita del “clochard” cambia in seguito ad un’aggressione e ad un ricovero forzato in ospedale. Da quel preciso istante l’indifferenza che assale continuamente Emanuele lascia spazio a teneri momenti di riflessione.                              L’unico affetto dal sapore amaro è Maria, una giovane ragazza che riesce a entrare nel cuore del musicista con naturalezza. Ti piacciono i panorami?” chiede Maria ad Emanuele. Per me ogni essere umano è un panorama. In ognuno puoi trovare qualcosa da vedere, di cui meravigliarti, dentro il quale perderti. E quindi anche in te stesso. Ecco come devi guardarti: come un panorama. Come fai a non amarti?”.

Il modo di suonare, il modo di osservare i colori cambia, grazie a chi tende ad ascoltare nel profondo gli altri e ad avvicinarsi ad un nuovo modo di vedere le cose. Con l’incantamento e con il sax, Emanuele allontana il cinismo e inizia a conoscere la gente che si ferma per strada attratta dal potere inesauribile della musica e si ritrova confessore di chi decide di svelargli determinanti segreti. Consideriamo gli altri come un inferno. A volte viene meno il coraggio di riuscire ad ammettere quanto siamo interdipendenti. La consapevolezza di essere una risorsa per gli altri è l’invito da parte di Emanuele ad esserne coscienti”, afferma lo scrittore durante l’intervista condotta da Francesco Massarelli e Sante Roperto.

E mentre la musica dei Calebasse – un trio formato dallo stesso Tony Laudadio, voce e chitarra, Corrado Laudadio al basso e Carmine Silvestri alla batteria e alle percusisoni – intrattiene gli ospiti della serata, l’attenzione è rivolta all’angolo arte e fotografia destinato alle opere del disegnatore visionario Vittorio Savinelli.

 Vittorio Savinelli (detto Vizav), laureato in economia, ha scelto di seguire i propri sogni e non si è più fermato. La distrofia muscolare non gli impedisce di creare illustrazioni oniriche, realizzare disegni allegorici e caos razionali grazie anche all’utilizzo della stessa tecnica di disegno. Inchiostro ed acquerello vengono fusi nella tempera acrilica bianca, dando origine ad uno strato opaco da ricostruire e ricolorare. Spesso, l’artista utilizza pezzi singoli di puzzle che vengono dipinti e uniti al fine di portare a compimento l’opera superando magistralmente i limiti imposti dalla malattia.

A volte parto da un immagine e costruisco il contesto per associazione di idee o di forma, fino a quando scorgo un possibile senso del tutto: in pratica mi guida il disegno stesso. Altre volte parte da un idea di base, ma mai completamente precostituita o progettata” confessa Savinelli.

La tenacia è una componente determinante che da un senso compito ai suoi lavori, senza costringere a trovare spiegazioni logiche , “ma piuttosto spingere lo spettatore a ritrovare un pezzo della propria vita”.

 “Un bel fatto festival” ci dà appuntamento a  sabato 12 maggio con :
>Amaury Cambuzat in concerto
>Live performances e mostra del collettivo Quadratum Lab

https://www.facebook.com/events/168921237152044/

 

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+
PUBBLICA ASSISTENZA SAN MICHELE SERVIZIO AMBULANZE 24 H24
Trasporto sangue e organi
Trasporto infermi
Assistenza medica e infermieristica
Assistenza sanitaria in manifestazioni di enti Pubblici e Privati
Accompagnamento per terapie e visite mediche
Autoriz. Reg. N°2007/24465

Ho compreso che...
le persone possono dimenticare ciò che hai detto.
le persone possono dimenticare ciò che hai fatto.
ma le persone non scorderanno mai come le hai fatte sentire.
Dott. Carozza Michele

339.5082804 - 335.6094623 - 0823.458796
VIA LIGURIA, 21 - 81020 SAN MARCO EVANGELISTA (CE)