VIDEO-INTERVISTA A LUIGI BOVE CANDIDATO CON LA LISTA “PATTO PER MADDALONI – CAMBIAMO INSIEME”

Ieri contro il candidato Sindaco Andrea De Filippo, oggi Luigi Bove si presenta all’elettorato maddalonese per le elezioni amministrative 2018 con la lista “Patto per Maddaloni – Cambiamo insieme” in sostegno proprio ad Andrea De Filippo.

“Un anno fa lo scenario era differente ed io ho provato a propormi come sindaco della città con tutto quello che significa assumersi un bel carico di responsabilità.
Ma i maddalonesi fecero già una scelta andando al voto… avevamo alle spalle un anno di commissariamento e dopo 30 giorni dal turno di ballottaggio si è ritornati all’immobilismo totale. A quel punto ho maturato una mia convinzione e ho deciso di mettere da parte il mio desiderio di ammistratore della città per un bisogno preliminare della popolazione.
Del resto è evidente che io non ho avuto la possibilità di entrare in ballottaggio, e mi è parso un processo naturale scegliere di non scendere in gioco per sezionare ancora di più il complesso quadro politico maddalonese”.
Ragionando sui canoni di una dialettica politica necessaria e penetrante, il candidato a consigliere Luigi Bove evidenzia che: “La coalizione di Andrea De Filippo e la mia in comune in primis hanno sempre avuto una natura civica, e questa è una premessa inequivocabile. In più siamo in un tempo storico importante in cui la città di Maddaloni verte in uno stato decadente e non c’è spazio per perdersi in utopie e fantasie progettuali. La base programmatica della nostra unione è legata al concetto immanente del lavoro urgente e degli interventi necessari a ridare decoro, decenza e restituire ai cittadini una normale e non straordinaria vivibilità dettata innanzitutto dall’instaurarsi delle regole di buona amministrazione. La fotografia di Maddaloni oggi è una ferita aperta: scuole con strutture fatiscenti e un corpo della Polizia Municipale decimato, per esempio.
Il Comune ha delle difficoltà endemiche e di forte natura economica”. Luigi Bove, da tempo animatore della scena politica locale, continua senza perdere di vista la centralità dei problemi di un Comune che negli anni, a causa delle ingerenze di una politica extra locale, ha visto morire anche un patrimonio come il Villaggio dei Ragazzi. Ad Appia Polis la sua intervista esclusiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+