Brucia il Monte Petrino, è emergenza

0

Dopo due giorni di incendi, “Mondragone Resiste”

sollecita il sindaco affinché chieda lo stato di calamità

MONDRAGONE – Gli incendi che hanno colpito il monte Petrino nelle ultime due giornate hanno causato danni incalcolabili al territorio e alle persone che lo vivono. Ettari di suolo bruciati, ulivi secolari distrutti, abitazioni danneggiate e fumi tossici che hanno impedito ai cittadini mondragonesi di uscire di casa a causa del rischio elevatissimo di soffocamento.

In molti hanno denunciato ritardi negli interventi, lassi di tempo preziosi che avrebbero potuto salvare una buona parte della montagna che, attualmente, ha l’80% della superficie praticamente distrutta.

È assolutamente necessario e urgente che l’Amministrazione comunale chieda alla regione Campania di dichiarare lo stato di emergenza affinché il disastro ambientale venga fronteggiato con immediatezza di intervento e con mezzi e poteri straordinari.

Chiediamo, quindi, al sindaco Pacifico che si attivi con urgenza per ottenere lo stato di calamità per permettere ai Mondragonesi maggiormente danneggiati dal vergognoso e terrificante incendio di poter accedere agli strumenti necessari al ripristino delle loro attività.