MARINA DI PESCOPAGANO AFFONDA NEI RIFIUTI

0

di Carmine Eliseo

…E IL SINDACO DI CASTELVOLTURNO? 

MARINA di PESCOPAGANO – Viale Michelangelo Buonarroti e Viale Filippo Brunelleschi in questi giorni, frequentato ancora per qualche giorno da migliaia di bagnanti e residenti è stata sommersa dai rifiuti e dai circa venti casi randagi che albergano nei pressi del Lido La Siesta e Rosso Bleu. Ma il presidente del Consorzio dei lidi balnerari, Marcello Giocondo, autorevole esponente del sindacato che tutela gli interessi dei proprietari dei lidi lungo il viale F. Brunelleschi, come mai non ha inviato una missiva di protesta, visto che anche lui, con il Lido Cristal, opera lungo questo tratto di mare che va dalla Foce di Agnena fino al bivio per Castelvolturno, ove i cumuli di rifiuti hanno invaso metà corsia. Possibile che la ditta che ritira i rifiuti umidi e secchi, insieme a quelli ingombranti, ad oggi è ancora in ferie? Ma cosa pensa il balneare residente che versa nelle casse del comune svariati milioni di euro? Come funziona il servizio e l’allacciamento idrico? E le fogne? Fino ad ora nei viali tutti i proprietari puliscono le caditoie e si preoccupano, ognuno per la loro parte di competenza, di chiamare le ditte degli espurghi onde evitare di procurare danni alla salute pubblica. E il sindaco Russo? Abbiamo chiesto ad un residente cosa pensasse di questo primo cittadino che sta facendo rimpiangere l’ex sindaco, e lui ci ha detto testualmente: “La squadra degli assessori è insensibile alle richieste fin ora avanzate dai bagnanti e dai rappresentanti dei lidi, mentre grave è l’atteggiamento del primo cittadino, con il quale da settembre è pronta una petizione da inviare al Prefetto per il randagismo, la segnaletica, le strisce pedonali e le aree rimaste incolte e che con gli alberi e i canneti che affacciano lungo la pista ciclabile”. E quelle panchine divelte? E i vigili urbani? Infine l’atteggiamento della minoranza consiliare che sembra andare a braccetto con la giunta ed il sindaco Russo Dimitri, il cui nome e cognome somigliano sempre di più ad un Governatore della Russia democratica di Putin. Ma di che colore politico è questo rappresentante delle istituzioni. In città qualcuno dice che è vicino al Cavaliere, qualche altro accanto ai dissidenti del PD, sicuramente non è un politico di destra. Ma vuoi vedere che è un estimatore del duo Salvini-Meloni? Abbiamo chiesto ad un ex sindaco, ora in quiescenza, se conoscesse il colore della sua maglietta e lui ci h risposto:” Arcobaleno con qualche stella all’interno”. Alla fine scopriamo che, in silenzio, è un seguace del comico Grillo e che probabilmente la prossima volta, in vista delle lezioni politiche,  presenterà il suo curriculum al duo Di Battista – Di Maio, del Movimento 5 Stelle, per un posto al sole alla camera dei deputati.