ARCHIVIO DI STATO-GATE: LA STORIA INFINITA…ED IL BUIO CONSEGUENTE

di Francesca Nardi

 

Questa mattina una “fettina” della Casa del Borbone è rimasta per qualche ora al buio…e come se non bastasse quel senso di frustrazione che incombe da tempo su tutto ciò che riguarda l’Archivio di Stato e che umilia chi lavora per offrire un senso ad un complesso documentario di tale importanze, oggi si è aggiunta anche l’umiliazione della morosità…chi avrebbe dovuto perché deputato a farlo,  ha infatti,   dimenticato di pagare la bolletta dell’Enel ed il personale è rimasto al buio per buona parte della giornata. Ma…il disagio temporaneo di questa mattina, quando le uniche fonti di luce all’interno dei locali completamente al buio, erano quelle dei telefonini personali dei dipendenti, si aggiunge ad altri disagi, come l’assenza di un impianto per l’aria condizionata o l’unica utenza telefonica a disposizione degli uffici…ma non finisce qui e scopriamo che, dallo scorso mese di aprile, non vi è neppure la linea internet e forse, soltanto grazie al senso del decoro di qualcuno, la Scuola superiore della Pubblica Amministrazione ha messo a  disposizione dei dipendenti dell’Archivio, un pc con collegamento internet, per consentire loro di consultare la corrispondenza. Intanto, molti di coloro che per necessità o studio, devono consultare l’Archivio di Stato, sono impossibilitati a farlo, perché gran parte della documentazione si trova ancora a Via dei Bersaglieri, all’interno della vecchia “costosissima” sede, ormai chiusa…Dopo il danno non poteva mancare la beffa…(e la beffa è proprio quello che non ci facciamo mai mancare)…infatti gli utenti hanno scritto al Ministero competente per informare e chiedere conto dell’impossibilità di accedere alla documentazione e dalla Direzione Archivi di Roma a loro volta, hanno scritto all’Archivio di Caserta per chiedere spiegazioni…Vuoi vedere che a Roma ritengono che i previsti lavori di adeguamento degli spazi dell’Aeronautica, destinati all’Archivio, siano almeno iniziati, se non addirittura terminati? Non è dato sapere quale sia stata la risposta ma sappiamo che l’ultima proroga prevista scadeva l’11 agosto…e sappiamo che, se non si eseguono i lavori entro il 2017, si perdono i fondi…Commenti?,  non crediamo sia il caso…attendiamo che il rischio di perdere i fondi diventi realtà, per azzardare l’ipotesi che forse era quello che si voleva…avremo tutto il tempo allora…di chiederci il perché…

Comments

  1. Franco Capobianco ha detto:

    Veramente brava Francesca !!

  2. Jolanda Capriglione ha detto:

    brava, Francesca.

Comments are closed.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+