CURTI, FESTA DEGLI ANZIANI SULLE ORME DI SAN FRANCESCO

0

CURTI – Presso la casa di riposo per anziani, a Curti, nei pressi della casa municipale, si è svolta la festa degli anziani, ospiti di questa moderna struttura, la cui  responsabile è la vulcanica Antonietta Rullo, coadiuvata dal coniuge Antonio e dalle figliole. Lo chef, Paolo Gagliardi, persona di grande esperienza , insieme ai tanti giovani che hanno portato a tavole un ricco menù, terminato con dolci e spumante a volontà. Domenica 10 settembre  è iniziata la serata allietata da giovani promesse della canzone italiana e napoletana, dal complesso “IL CIELO” ad una giovane con handicap di deambulazione, che ha fatto venire i brividi quando ha cantato canzoni degli anni 70 e 80. Presenti il sindaco di Curti, dottor Raiano, il primo cittadino di San Prisco, dottor Domenico D’angelo con il vice sindaco Domenico Carrillo. Il dottore Piscitelli, figura storica del PSI ai tempi del Preside Sanvitale, sindaco negli anni 90 di Curti. Un plauso ai 20 giovani di nazionalità africana che hanno cantato e ballato insieme alla intera comunità e che assistono Rachele 94 anni, Antonio e  Pasquale, assistiti magistralmente dalle tante volontarie, medici ed infermieri professionali, che prestano la loro opera presso la struttura”SULLE ORME DI SAN FRANCESCO”. Ogni anno Antonietta Rullo rinnova questa festa che ha fatto divertire questi anziani che rimangono soli e quindi sono ospiti di questo albergo a 5 Stelle, visto come vengono trattati con professionalità e tanto amore da parte dello staff che collabora con Antonio, il coniuge della signora Rullo. Ieri il disagio e la disabilità di questi vecchietti ha fatto commuovere anche chi ha perso i genitori ed ha trascorso al tavolo con costoro quattro ore all’insegna del “VOGLIATE BENE GLI ANZIANI IN VITA”, perché quando non ci saranno più, li rimpiangeremo. E poi il clou della serata con Antonio Migliore, noto cantante, che ha cantato  cinque canzoni bellissime di Massimo Ranieri,  grande attore napoletano nonché autore di tante canzoni italiane, che lo hanno visto anche vincitore del Festival di Sanremo. Antonietta Rullo, esperta nel settore dell’assistenza agli anziani ha voluto ringraziare tutti ma in modo particolare il suo staff, medico ed infermieristico, mentre a dispetto del razzismo, venti giovani nord africani, ospiti di questa struttura, hanno allietato la serata con balli e canti della loro terra di origine. Alla fine della manifestazione questi giovani hanno portato gli anziani nelle loro camere e questo dimostra che l’integrazione tra bianchi e neri è fondamentale, visto l’amore che questi ventenni hanno dimostrato nei confronti di questi anziani, ognuno con i suoi problemi, che per una sera hanno dimenticato. Rachele e Antonio, seduti allo stesso tavolo, hanno gioito cantando e battendo le mani, mentre qualcuno li ha fatti sentire ad agio. Alla fine la lacrimuccia di questi due anziani che hanno abbracciato chi è andato a salutarli. Trascorrere ogni domenica qualche ora con questi anziani è fondamentale per loro, perché alcuni non hanno parenti, mentre altri sono stati lasciati li, perché gli impegni dei figli con le rispettive famiglie non permette di stare accanto a questi giovani che trascorrono, in questa struttura, gli ultimi anni della loro vita, con dignità, grazie alle cure dello staff di Antonio ed Antonietta Rullo, e ai tanti volontari che prestano la loro opera gratuitamente.

c.e.