CAMPANIA: SABATO 25 NOVEMBRE I MIGLIORI MIELI DI TERRA DI LAVORO

0
15

Sabato 25 novembre la premiazione della prima edizione del Concorso dei “Mieli di Terra di Lavoro”

Si tratta di un evento organizzato dall’Associazione Api e Biodiversità di Terra di Lavoro, riconosciuto dall’Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele,  con la duplice finalità di stimolare la produzione di miele di qualità e favorire la caratterizzazione e la valorizzazione del miele dell’antica “Terra di Lavoro”, una regione storica-geografica dell’Italia Meridionale, identificata in passato anche come Campania felix, oggi risultante divisa tra le regioni politico-amministrative del Lazio, della Campania e del Molise.

Un vero concorso, unico nel Sud Italia per la sua importanza patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e da: Consiglio Regionale della Campania, Crea – Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Provincia di Caserta, Camera di Commercio di Caserta, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana, ANCI-Campania, Comune di Pietravairano, Ambasciatori dei Mieli, Federazione Coldiretti di Caserta, Slow Food Condotte Volturno, Terre di Capua e Massico-Roccamonfina.

La promozione di un prodotto che abbraccia il territorio non può che avvicinarci alle origini storico-culturali, della zona di provenienza del miele, legando la produzione anche al valore storico e ambientale del territorio.

Ed il miele è proprio l’espressione, l’emblema della biodiversità del nostro territorio.

Grazie alla presenza di un patrimonio faunistico e vegetativo unico al mondo, Terra di Lavoro vanta anche la produzione di ciò che i Greci definivano “nettare degli dei”: il Miele.

I migliori mieli saranno premiati sabato 25 novembre, sarà un evento accessibile gratuitamente a tutti, nell’ambito del Convegno “I Mieli di Terra di Lavoro”, che si terrà, a partire dalle ore 9,00, presso la “Masseria delle Sorgenti della Ferrarelle” in Riardo.

I mieli candidati a questo riconoscimento provengono da ben trentotto  comuni di Terra di Lavoro e tocca tre regioni come Campania, Molise e Lazio e precisamente i comuni di produzione interessati sono:  Pietramelara, Teano, Bellona, Santamaria a Vico, Sant’Agata dei Goti, Castel Volturno, Formicola Pietravairano, Riardo, Villa Literno, Caserta, Bucciano, Grazzanise, Succivo, Cervino, Capua, Pollena Trocchia, Massa di Somma, Roccarainola, Acerra, Conca della Campania, San Giovanni Incarico, Roccamonfina, Vallemaio, Sessa Aurunca, San Cosma e Damiano, Itri, Galluccio, Mondragone, Formia, Roccasecca, Colli al Volturno, Dugenta, Faicchio, Prata Sannita, Pratella, Ailano e Caiazzo.

II concorso è dedicato alla memoria di Gianni Lisi, Direttore Coldiretti di Caserta, importante figura che, con grande passione e competenza, si è distinta attivamente nella promozione e valorizzazione dell’apicoltura in Terra di Lavoro.

La giornata terminerà con un Ape-Ritivo che prevede la degustazione di eccellenze locali prodotte dalla Aziende e accompagnate dai mieli di Terra di Lavoro.

Il programma dell’evento è consultabile sul sito www.mieliditerradilavoro.it