VIOLENZA DI GENERE? BISOGNA COMBATTERE LA VIOLENZA IN GENERALE

0
9
di Antonietta Montano*
Senza voler assolutamente  tralasciare o sminuire 

 qualsiasi forma di violenza contro le donne, ritengo doveroso come Avvocato e come donna  esprimere il mio pensiero. Nel corso della mia vita ho assunto sia il ruolo di  “vittima” che di  “carnefice” ed è per tale ragione che ho sentito il bisogno concreto  di combattere la violenza in generale – ben diversa da quella di genere – accendendo altresì i riflettori sul cosiddetto sesso forte .
Il concetto di violenza di genere è troppo spesso, anzi quasi sempre,  tradotto dai mass media e dall’opinione pubblica come violenza dell’uomo sulla donna. Non è sempre così.    La violenza in tutte le sue forme non ha sesso. La violenza è un male trasversale e continuare a fare distinzioni  rappresenterebbe la vera discriminazione di genere.
Bisogna puntare sull’educazione,  sull’accoglienza e di conseguenza sulla prevenzione di fenomeni negativi che riguardano i conflitti  personali e  familiari che potrebbero sfociare in fenomeni di violenza.
Numerosi sono le molestie ascrivibili a un’ex compagna, a un’ex moglie o perfino alla propria datrice di lavoro. Numerosissimi i casi di false accuse nei confronti di uomini e padri. Tra l’altro, sono ancora pochi gli uomini che ammettono di subire minacce o molestie da parte di una donna. Non si sentono creduti .
Ancora meno quelli che si rivolgono alle forze dell’ordine, pochissimi coloro che si dichiarano preoccupati per la propria incolumità.
 
La violenza è un male complesso e totale, non si possono fare distinzioni di sesso!  Bisognerebbe unire le forze per la prevenzione del cancro Violenza , ogni giorno.
*avvocato penalista

L’avvocato Antonietta Montano è presidente, oltre che ideatrice, dell’Associazione Nazionale “Voce Uomo” , nata a Santa Maria Capua Vetere nell’ottobre del 2015.

L’associazione  in parola  ha finalità di solidarietà sociale, si rivolge  in generale all’intero nucleo familiare,  in particolare  agli  uomini che versano in una situazione di disagio dentro e fuori le mura domestiche ed ai padri separati e/o divorziati  o in procinto di separazione e/o divorzio in difficoltà,  al fine di perseguire i seguenti scopi: fornire orientamento  giuridico, morale ,  psicologico ; proporsi come luogo di incontro e di aggregazione spontanea ; porsi come punto di riferimento di attività culturali quali convegni, conferenze, dibattiti, seminari, attività di formazione, attività editoriale, pubblicazione di bollettini, pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi e delle ricerche compiute.

Voce Uomo vuole essere una porta aperta per ascoltare e consigliare, accogliere e sostenere  uomini che possono trovarsi nelle più svariate difficoltà familiari, lavorative, legali.  L’obiettivo dell’Associazione è accogliere e tutelare l’uomo in quanto persona nella sua integrità perché possa riaffermarsi il suo diritto alla vita. Pensiamo in particolare alla crisi della famiglia, nonché  alla ricorrente   condizione di impoverimento morale e materiale  di moltissimi  uomini  e padri separati e/o divorziati. Sono loro la nuova piaga sociale!  Voce Uomo vuole così offrire il proprio contributo non solo al singolo individuo, uomo, che si trova oggi in una specifica difficoltà, ma al suo nucleo familiare e al suo contesto sociale per tutelarne i diritti, recuperarne e valorizzarne la funzione sociale ed educativa  Nelle situazioni legate alle problematiche familiari fondamentale è  il ruolo svolto da noi avvocati, chiamati alla tutela assoluta dei diritti dei bambini. I figli  hanno il sacrosanto diritto di avere un rapporto qualitativo e quantitativo uguale con entrambi i genitori. Ogni separazione provoca inevitabilmente del dolore,  ma il vero male insuperabile è quando i coniugi dimenticano di essere  in primis genitori . E’necessaria una campagna di prevenzione delle purtroppo  diffuse condotte  tese all’esclusione della figura genitoriale . A tal proposito,  Voce Uomo si propone, con l’ausilio di validi professionisti ,  di prevenire  i fenomeni di alienazione e/o disinvestimento affettivo. Voce uomo  mira all’ascolto ed al sostegno  dell’’intero nucleo familiare e delle coppie in stato di bisogno. L’intervento nei casi di separazione e divorzio avrà come priorità assoluta la tutela e la salvaguardia dei minori attraverso il sostegno alla funzione genitoriale promuovendo  tutti gli strumenti esistenti perché la crisi e la transizione familiare possa avere un significato evolutivo per i membri che vi sono coinvolti anche attraverso un  orientamento legale,  psicologico, la mediazione familiare e  counseling familiare .

L’associazione è attualmente impegnata in un lavoro di  diffusione del registro della bigenitorialità per favorirne l’attivazione presso i comuni ( una sorta di doppio domicilio per i minori figli di genitori separati )  facendo tesoro delle esperienze maturate in altri contesti e apportarvi i correttivi necessari perché il registro favorisca il superiore interesse del minore e non contribuisca ad inasprire l’oppositività tra i genitori.