MARCO CICALA, PRESIDENTE DI CITTÀ FUTURA: “QUELLA DI CARLO MARINO È UN’AMMINISTRAZIONE SORDA”

CASERTA – Il Presidente di Città Futura ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’attività dell’attuale amministrazione comunale. “Quella di Carlo Marino, – ha detto Marco Cicala – continua a mostrarsi un’amministrazione disinteressata a quelli che sono i problemi di vivibilità che i cittadini incontrano ogni giorno vivendo la nostra città. Questo ed altro, sta prevalendo dal tour che noi di ” Città Futura” abbiamo ideato per avere un contatto diretto con i cittadini. Un tour che sta ottenendo un notevole successo, in considerazione anche del fatto che molte persone si sentono abbandonate da chi hanno votato e da un’amministrazione comunale che proprio sembra non vedere e non sentire.

È inaccettabile per noi apprendere dagli ultimi incontri avuti con le persone in periferia e non solo come la gente non si senta sicura di uscire per le strade, troppe volte al buio, e come in tanti son quelli che temono per l’incolumità dei loro figli e in alcuni casi dei genitori anziani.

“E’ inconcepibile per noi che ci siamo già fatti carico di questa problematica! – ha dichiarato il Presidente Cicala – Per chi non lo ricordasse,” Città Futura” , tramite il proprio consigliere comunale Enzo Bove e insieme al consigliere di maggioranza Roberto Peluso, presentò al vaglio del consiglio comunale del 25 Maggio 2017 una mozione che denominammo ” Operazione Strade Sicure” e che prevedeva in modo equilibrato e in determinate circostanze l’ aiuto dell’esercito in strada per regalare più serenità ai commercianti e i cittadini in genere.

“La mozione fu approvata ma mai messa in atto dalla Giunta Marino – continua Marco Cicala – tanto che fu proprio il nostro consigliere Enzo Bove insieme al consigliere Roberto Peluso a protocollare un sollecito l’8 settembre 2017 indirizzato al Sindaco Carlo Marino e al Presidente del Consiglio Comunale Michele De Florio affinché si procedesse all’attuazione della proposta. Ma anche in questo caso nessuna risposta è mai pervenuta e nessun provvedimento è stato mai attuato a riguardo”.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+