RIAPRE LA BIBLIOTECA DI SANTA MARIA CAPUA VETERE

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Dopo più di sette anni e mezzo la biblioteca comunale è di nuovo aperta al pubblico. La struttura venne chiusa nel marzo 2010, a causa di un guasto che interessò una condotta idrica che a sua volta provocò un abbassamento del livello dell’asfalto nell’area che ospita sia il Museo civico che la stessa Biblioteca. Assieme alla riapertura è stato ripristinato, oltre ad una connessione wiFi l’accreditamento della biblioteca all’interno dell’OPAC Sbn (Catalogo del Servizio bibliotecario nazionale), che reinserisce la struttura nell’elenco telematico che controlla le biblioteche italiane, e l’attivazione del ‘prestito interbibliotecario’, che prevede la possiilità di chiedere presso la nostra struttura cittadina volumi che si trovano in ogni altra Biblioteca del territorio nazionale. “Abbiamo immaginato il momento della riapertura – ha dichiarato il sindaco Antonio Mirra, titolare anche della delega alla Cultura – senza cerimonie particolari perché riteniamo che avere una Biblioteca sia un fatto “normale”; è invece anormale che sia chiusa e non accessibile agli utenti. Quella di stamattina rappresenta solo una tappa perché è nostra intenzione che questo luogo venga vissuto con costanza soprattutto dai giovani, anche in virtù del protocollo di intesa stipulato nel novembre dello scorso anno con il Centro di Giustizia minorile per la Campania che si pone tra gli obiettivi quello di trasformare il Complesso Monumentale Angiulli in un luogo di aggregazione, di formazione e di cultura per i giovani; per queste ragioni i prossimi obiettivi sono rappresentati dall’ampliamento dell’attuale sede nonché dalla piena utilizzazione e fruibilità del giardino interno”. “Un doveroso e sincero ringraziamento – ha dichiarato ancora il sindaco Mirra – va a quanti si sono spesi per far sì che oggi ci trovassimo a celebrare questo momento e in particolare ai dipendenti comunali della Biblioteca Luisa De Lucia, Francesco Avenia e Luigi Palla, alla dottoressa Mariaemilia Lista e al responsabile Cultura Enzo Oliviero per la grande passione profusa in questi mesi ma anche agli studenti degli istituti sammaritani coinvolti nel progetto “Scuola Comune” il cui apporto è risultato estremamente importante per la riorganizzazione dei volumi”

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+