TUEL INAPPLICATO: SPERANZA PER CASERTA INTERROGA L’AMMINISTRAZIONE SULLE COMMISSIONI E COMITATI “INUTILI”

0

CASERTA – Il Testo Unico degli Enti Locali, tecnicamente leggasi decreto legislativo 267/2000, è chiamato a disciplinare le regole delle Pubbliche Amministrazioni. Spesso e volentieri siamo costretti ad annotare quando i funzionari comunali o la politica agiscono come se il Tuel non fosse mai stato approvato come legge della Repubblica.

L’ultimo caso di mancata applicazione del Tuel, al Comune di Caserta, lo segnala la capogruppo di Speranza per Casera Norma Naim che, insieme ai colleghi Apperti e Fabrocile, ha presentato una interrogazione per ricordare all’Amministrazione che, entro sei mesi dall’inizio dell’esercizio finanziario, si sarebbero dovute attivare le procedure previste dall’articolo 96 del decreto legislativo.

Il Testo Unico ha, tra i suoi obiettivi, anche quello di contribuire ai tagli degli sprechi ‘stimolando’ gli enti locali ad una costante verifica. Tra gli sprechi il Tuel considera anche tutti gli organismi istituzionali di un Ente, definiti ‘non indispensabili per la realizzazione dei fini istituzionali’.

La capogruppo chiede, in sostanza, all’Amministrazione di verificare, tra commissioni, comitati e organi collegiali dell’Ente, quali possono ritenersi superflui e, in base a quanto fissato dal sopra citato articolo 96, automaticamente decaduti.

“Stiamo parlando di un passaggio normativo importante – sottolinea la consigliera Naim – soprattutto per un Comune in dissesto e costretto alla seconda dichiarazione di dissesto. Mi ha sorpreso, in realtà, constatare che non erano stati adottati i provvedimenti suggeriti dal Tuel, anche perché, all’epoca dell’Amministrazione Del Gaudio, fu l’attuale vicesindaco Franco De Michele, assieme all’attuale segretario del Pd Enrico Tresca, a chiedere il medesimo provvedimento. Mi auguro che presto gli uffici comunali possano chiarire quest’ aspetto e attuare le verifiche previste dal testo unico”.