OSPEDALE MELORIO, EMODIALISI A RISCHIO

2

A proposito delle 4000 mila assunzioni previste dal Governatore Vincenzo De Luca…fatte le dovute eccezioni e le dovute sottrazioni e le dovute “spalmate” su tutta la regione ed a proposito del rendez vous casertano, a margine del quale il manager dell’Asl Mario De Biasio, si è intrattenuto con De Luca, ci chiediamo se De Biasio si sia ricordato della situazione di emergenza, in cui versa il reparto di Emodialisi dell’Ospedale Melorio di Santa Maria Capua Vetere. Per quanto sia arduo, anche soltanto sperare, che un direttore impegnato 24 su 24 a sfornare delibere di nomina, qualcuna anche senza firma, (ma conta soprattutto la quantità, visto che la qualità è un prodotto in estinzione), noi vogliamo almeno credere, che il manager sia al corrente che nel reparto di Emodialisi del Melorio, funzionante 24 ore su 24, al cui interno sono assistiti 10 pazienti nel corso della mattina e 8 nel pomeriggio, vi siano soltanto: un medico strutturato, 2 specialisti ambulatoriali, quindi con orario ridotto, un medico assunto con contratto co.co.co, dieci infermieri compreso il caposala ed un ausiliario…Ribadiamo il concetto che la reperibilità è h24, pertanto il lavoro è massacrante e tanto per fornire qualche cifra nel 2016 sono state eseguite 6300 dialisi, per un introito di circa 1milione 200mila euro… che non sembrano essere “noccioline”……Inoltre è appena il caso di sottolineare che a San Felice a Cancello il reparto di Emodialisi, può contare su sei medici che non hanno la reperibilità. Le solite differenze ed il solito disequilibrio che si rafforza con la distrazione degli scienziati che si susseguono sul ponte di comando Il direttore sanitario del Melorio pare abbia avanzato una timida richiesta: almeno un medico, altrimenti il rischio di chiudere potrebbe diventare una drammatica realtà. Chissà che non si voglia giocare agli “spostamenti” anche con la Emodialisi, così come si è fatto con la Psichiatria…il gioco dello smantellamento organizzato della sanità casertana…che parte dalle annunciazioni e finisce nella discarica della memoria…

2 Commenti

  1. Purtroppo sono una dializzata e più volte anche in urgenza sono stata asistita dai medici dell’ospedale melorio. Ricordo una notte che avevo bisogno di una dialisi urgente ed ero in pericolo di vita. Le persone del reparto erano dostrutte ma fecero il loro lavoro rassicurandomi e calmando me e i miei parenti. Sono persone stupende. Ricordo quella notte con paura e nello stesso tempo le facce sconvolte e assonnate delle persone che mi assistevano. Devo dire loro solo grazie.
    provate ad andare in urgenza per una dialisi a un centro convenzionato cazzo provateci alle 2 di notte .

Comments are closed.