DELITTO DEL PARCO VERDE, FISSATO L’APPELLO PER TITÒ ACCUSATO DELLA MORTE DI FORTUNA LOFFREDO

NAPOLI – E’ stato fissato presso la terza sessione della Corte d’Assise d’Appello di Napoli per il 22 maggio 2018, il processo d’Appello per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, per il quale, il 7 luglio 2017, fu condannato all’ergastolo e a 13 mesi di isolamento Raimondo Caputo, detto Titò, difeso dall’avvocato Paolino Bonavita. Il Caputo è accusato di avere violentato la piccola di 6 anni ed averla gettata dall’8° piano del palazzo in cui abitava, uccidendola. Il fatto avvenne il 24 giugno 2014 al Parco Verde di Caivano e nei giorni immediatamente successivi, furono in molti a ritenere che si trattasse di una caduta accidentale, anche e soprattutto per il clima omertoso che si venne a creare in un ambiente che definire degradato è un eufemismo. Ben presto si giunse alla conclusione che la morte di Fortuna detta Chicca, non era stata una morte accidentale, le indagini partirono a 360° e dovevano concludersi con la condanna di Raimondo Caputo, anche se sono ancora molti i dubbi che continuano ad aleggiare intorno alla fine terribile, di una bambina di 6 anni. Il 22 maggio l’Appello.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+