TERRA DEI FUOCHI, LIBERATI FRATELLI PELLINI, GLI ATTIVISTI PROTESTANO

0
foto protesta

NAPOLI – Si è tenuto un sit-in di protesta avanti al Palazzo di Giustizia di Napoli da alcuni attivisti della Terra dei Fuochi contro la scarcerazione dei fratelli Giovanni, Salvatore e Cuono Pellini, condannati a 7 anni per disastro ambientali; i tre sono stati assegnati ai servizi sociali dopo la remissione in libertà con un provvedimento provvisorio. ”Quanto accaduto è un segnale negativo che la giustizia dà ai cittadini – commenta Alessandro Cannavacciuolo, uno dei portavoce del movimento in difesa della Terra dei Fuochi – perché non è possibile che chi ha inquinato terra e acqua dei nostri territori lucrando sulla nostra salute esca a piede libero solo dopo alcuni mesi”. ”Il segnale molto grave che viene dato a chi delinque con questa sentenza – ha detto Paola Nugnes, senatrice del M5s presente alla manifestazione – equivale ad un ‘Liberi tutti’. La sentenza definitiva per i fratelli Pellini di sette anni di carcere, l’unica in Campania per reati ambientali a non essere andata in prescrizione, era di fatto l’unico ‘risarcimento morale ed etico’ che ora ci è stato scippato. I Pellini, ai quali è stata concessa la cumulabilità di due vantaggi, indulto ed affidamento ai servizi sociali, sono tornati liberi dopo aver avvelenato terreni e falde acquifere di fatto non ancora bonificati. Quanto successo è un’offesa per tutti i cittadini di Acerra non solo ma è anche un segnale, per chi vuole delinquere, che c’è sempre una scappatoia. Con questa sentenza la legge smette di essere un deterrente ma un segnale di ‘Liberi tutti’ per chi vuole continuare a delinquere”.