OSPEDALE, CHEMIOTERAPIA…MANCA IL MEDICINALE

(f.n.) – Ospedale di Caserta, 4° piano, reparto di Oncoematologia…una signora che aveva subito un delicato intervento chirurgico il 20 giugno u.s., oggi avrebbe dovuto iniziare un ciclo di chemioterapia. Alle 8.30 la signora, come prestabilito, si è recata nel reparto di Oncoematologia dove ha trovato qualcuno che…con il candore tipico dell’abitudine le annunciava: “il medicinale non c’è…deve arrivare da Napoli…forse verso le 11…altrimenti dovrà tornare domani…” …Noi ci chiediamo e vi chiediamo se nell’organizzazione sanitaria “”, tutto questo è normale…con tutte le chiacchiere de facto “avvacanti”, che sono state prodotte sulla necessità della figura dello psicologo, per i pazienti che hanno subito un intervento particolare, sulla necessità della figura dello psicologo per i pazienti che devono affrontare la chemioterapia…Non soltanto codesta Direzione Sanitaria avanguardista, nel senso che bandirà un concorso sull’acquisto dei camici ultimo grido, risvolti lucidi e logo ricamato a mano dalle Suore Ricamatrici del Convento di Arezzo, ha già demolito di per sé ed in maniera autonoma, la presenza degli psicologi, riducendola ad una sola figura professionale riservata ai dipendenti,  mostrando peraltro una rara sensibilità, ma si consente anche il lusso di non preoccuparsi, nonostante l’ausilio di colonne portanti mobili, che i reparti siano provvisti dei medicinali necessari. Stiamo parlando di medicine importanti e non di unguenti per evitare la secchezza della cute…Ma di cosa parliamo?,…anzi parliamone…parliamo soprattutto della funzione della direzione sanitaria e dei suoi prodi e valorosi sostegni, perché in tutta sincerità non riusciamo a comprendere le recondite motivazioni che stazionano a monte del loro non operato…Hasta pronto!

Comments

  1. Nicola ha detto:

    Capita spesso è vero ma il problema peggiore è l”attesa li fuori. E poi il mal di schiena su quelle sedie.

  2. Anna ha detto:

    Succede molto spesso che i chemioterapici arrivino dopo le 10. Il personale infermieristico è sempre gentile però

Comments are closed.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+