PIEDIMONTE MATESE, PUC: L’AMMINISTRAZIONE CHIAMA I CITTADINI PER UN NUOVO PIANO

PIEDIMONTE MATESE – L’amministrazione comunale chiama a raccolta i propri concittadini e fissa due incontri, il primo ottobre ed il 23 dello stesso mese, per concordare con gli esperti un nuovo Piano Urbanistico Comunale.
“Il Comune di Piedimonte Matese è dotato di un vecchissimo Programma di Fabbricazione, – scrive in un manifesto l’Amministrazione targata Luigi Di Lorenzo – risalente al gennaio del 1978. Solo nel gennaio del 2015 l’Amministrazione Comunale approvò un preliminare dì piano (atto propedeutico alla redazione del PUC vero e proprio) in collaborazione con Dipartimento di Architettura della Seconda Università degli Studi dì Napoli e l’Autorità di Bacino dei fiumi Liri, Garigliano e Volturno le cui convenzioni risalgono agli inizi degli anni 2000. Tuttavia non si è dato alcun seguito a tale atto. L’Amministrazione attuale ha ritenuto, per motivi di opportunità, ripartire dagli elaborati prodotti conservando le collaborazioni pregresse, ma riaggiornandoli ai propri obiettivi, coerenti con la visione strategica dello sviluppo urbano già comunicato alla cittadinanza durante la campagna elettorale. Si è reso necessario anche aggiornare la cartografia di base, ormai superata dalle edificazioni dell’ultimo decennio non riportate correttamente. Pertanto, con il nuovo Preliminare aggiornato, ripartiamo con le consultazioni pubbliche, incontri durante i quali i cittadini saranno chiamati, nell’ottica dì una urbanistica partecipata, a dire la propria, ad offrire contributi utili alla pianificazione della Città. Nell’incontro del primo ottobre, oltre ad illustrare le strategie individuate, saranno distribuiti degli opuscoli da compilare e trasferire all’Amministrazione entro il successivo incontro, già programmato per il 23 ottobre. Sulla base dell’ascolto dei cittadini e dei pareri preventivi pervenuti dai soggetti competenti in materia ambientale, sarà redatta una proposta di PUC che, una volta adottato in Giunta, sarà a disposizione dei cittadini per le relative osservazioni nei successivi 60 giorni. La procedura avrà termine in Consiglio Comunale dove la proposta PUC adottata in Giunta, corredata delle osservazioni e dei pareri obbligatori di altri Enti interessati, sarà oggetto della discussione e dell’approvazione finale”.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMDAiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+