RAFFAELLA ZAGARIA SI DIMETTE DA CAPOGRUPPO DEL PD E SI DICHIARA “INDIPENDENTE”

CASERTA – Raffaella Zagaria, consigliere provinciale in quota PD annuncia la decisione presa in consiglio provinciale. «La dialettica politica non mi ha mai spaventato, ho sempre ritenuto che il confronto anche aspro sia uno strumento di crescita per tutti purché tutti vengano messi nelle condizioni di poter esprimere delle posizioni anche minoritarie ed impopolari. Nella mia attività politica, sin dagli anni universitari, non ho mai avuto paura di dire quello che penso: spesso mi è capitato di esprimere una posizione che, poi, è diventata quella prevalente, qualche volta sono stata minoranza, consapevole del ruolo prezioso che ricopre chi è portatore di un’idea che non è quella della maggioranza perché ha la responsabilità di preservare dei valori a cui, a prescindere, dall’esito finale vale la pena dar voce. Mai, però mi è successo di trovarmi nella condizione in cui sono adesso, parte di un partito dove non esiste dialettica, non esiste confronto, non esiste scontro, perché siamo stati privati anche dei luoghi democratici dove farlo. L’idea che un’oligarchia possa decidere a tavolino le sorti del mondo, accordandosi a tavolino quando c’è da spartirsi le vesti e le poltrone, e sputando veleno dal pulpito quando si cerca solo di garantire lo stipendio a degli onesti lavoratori non può essere la mia. Non riesco più a fare politica, la mia politica, quella per la gente, quella che non ha bisogno di gettoni, stipendi, incarichi e poltrone in questo contesto in cui è normale che il Partito democratico faccia campagna elettorale accanto alla Lega, contro il Partito democratico, ma è aberrante votare un atto tecnico che consenta a delle famiglie di non essere schiacciate dalla crisi e dalle colpe di una cattiva politica. Neanche i vertici nazionali del Pd, che ringrazio per l’affetto personale e la stima politica che mi hanno espresso, sono riusciti a stoppare questa deriva politica che governa il partito in provincia di Caserta. Io in questo partito provinciale, non mi rivedo, non mi riconosco e non posso stare. E’, per questa ragione, che mi dimetto da capogruppo e decido di aderire al gruppo misto in Provincia, per non essere più irretita da questo tipo di politica inconcludente ed evanescente. Sono io che mi allontano dal partito democratico, dal momento che il provvedimento di espulsione si è dimostrato essere monco dei requisiti tecnici e fattuali oltre che non avallato dai dirigenti nazionali, mi allontano da un partito ove è diventato predominante l’imposizione e non il confronto, mi allontano da un partito ove si antepone il conflitto interno rispetto ai progetti… Sono una democratica che crede nelle primarie e non una che vuole concorrere a far parte della spa in cui hanno trasformato il Pd di Caserta! Voglio credere ancora che questa fase duri poco e che si ritrovino presto le ragioni del nostro stare insieme, continuando sulla strada della solidarietà e della tutela dei più deboli».

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMDAiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+