POMPEI, UNA SCRITTA SPOSTEREBBE L’ERUZIONE A OTTOBRE

POMPEI – Una scoperta che riposizionerebbe una porzione di storia. Durante gli scavi nella Regio V di Pompei è stata scoperta un’iscrizione a carboncino che supporterebbe la tesi che l’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei ed Ercolano sarebbe datata ad ottobre e non ad agosto. La scritta è infatti datata al sedicesimo giorno prima delle calende di novembre, data corrispondente al 17 ottobre.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+