NAPOLI, FABBRICA DI SUOLE SVERSA GLI SCARTI CHIMICI NELLE CAMPAGNE

NAPOLI – Un fabbrica di produzione di suole…una fabbrica fantasma, giacché non registrata. E naturalmente irregolari erano anche gli 11 dipendenti che vi lavoravano, uno dei quali addetto allo sversamento, anche nelle campagne circostanti, di rifiuti pericolosi. Tutto ciò è emerso dall’indagine dei carabinieri a Casandrino (NA).
Sono stati i militari del nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Napoli ad ispezionare i locali della fabbrica nell’hinterland a nord di Napoli, area della cosiddetta “Terra dei fuochi”. Sul posto è stato accertato che sebbene la società gestrice risultasse inattiva continuava la produzione in maniera “sommersa”. Nei locali, di 510 metri quadrati, erano accatastati 54 sacchi di plastica contenenti i rifiuti speciali della lavorazione, parte dei quali, lo si vede anche da immagini di videosorveglianza, erano stati sversati ai margini di una stradina di campagna a Casandrino da un addetto appositamente incaricato dell’abbandono dal titolare 38enne della ditta che addirittura gli aveva dato la sua vettura per il trasporto.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+