OSPEDALE, CACCIA AL TOPO…

 (f.n.) – Ci sarebbe da ridere se si trattasse di un granaio a cielo aperto a portata di topo, ma si tratta di un Azienda di Rilievo Nazionale ad Alta Specializzazione… Questa volta non si tratta di uno “scarrafone” orfano, né di vermi veri o presunti, ma di un topo…un bel topo di discrete dimensioni che è stato avvistato qualche ora fa nel bagno dei visitatori, situato di fronte al Pronto Soccorso Ostetrico…secondo indiscrezioni sembra che monsieur le rat, sia stato notato anche nei giorni scorsi, mentre passeggiava nell’area della dialisi e si attardava in cucina…Certo che in quanto ad immagine, l’Aorn di Caserta, decisamente non è seconda a nessuno. Pare che l’avvistamento abbia scatenato un putiferio e sia intervenuta, addirittura, la direzione sanitaria, non sappiamo rappresentata da chi…per dare il via ufficiale alla caccia al topo che, a quel che ci risulta, sta ancora scappando per l’Ospedale alla faccia dei cacciatori. Non abbiamo commenti spiccioli da fare se non che “noi stiamo col topo” e ci auguriamo che guadagni sano e salvo l’uscita …il problema nasce se “el ratòn”, è venuto in visita al Sant’Anna e San Sebastiano con i parenti…anche lui…la cosa si complicherebbe alquanto! Caro il nostro manager…questa volta sarà assai difficile provare a dichiarare che diciamo falsità…A proposito… se volesse utilizzare la foto del topo per i bigliettini di benvenuto al convegno di lunedì’, non faccia complimenti …non c’è il copyright… Hasta el ratòn!

Comments

  1. Angelo ha detto:

    Sembra un articolo ad orologeria. Dai commenti sembra ci sia una colonia di topi già da tempo peccato che ci si ricordi di comunicare la presenza di topi solo a ridosso di eventi o per creare l’evento… Un abitudine radicata di questa testata giornalistica… Sempre sul pezzo mi raccomando…. Per il bene dei cittadini si comunica agli organi preposti non sui giornali questa è solo denigrazione gratuita verso chi sta davvero provando a cambiare le cose, in un contesto dove camorra e politica l’hanno fatta da padrone per anni con coordinatori primari illegittimi… Fate bene a far presente eventuali anomalie ma siate costruttivi non distruttivi… Un comune cittadino

    1. Francesca Nardi ha detto:

      Caro comune cittadino, esattamente quel comune cittadino che ci sta a cuore e che quotidianamente viene umiliato. A chi, secondo la sua personalissima visione di comune cittadino, avremmo dovuto rivolgerci per segnalare la notizia? Chi sarebbero ‘quelli di dovere’ che sollecitiamo da mesi tenendo il conto, sia pure approssimativo dei morti? Si… Sempre sul pezzo o le da fastidio che non si attenda nell’angolo buoni buoni che sul pezzo ci stia qualcun altro? Non comprendiamo il passaggio sulle coincidenze… In genere le accuse velate ci risultano incomprensibili per scelta di vita. Evidentemente caro comune cittadino lei ha perduto la speranza di una discendenza, dal momento che non valuta neppure lontanamente l’ “” ipotesi che al Nido, nei pressi del luogo incriminato, avrebbe potuto esserci un figlio o un suo nipote neonato.. Pensiamo che l’accidia gratuita che manifesta sia da attribuire a questo problema… Se così non fosse ci avrebbe ringraziato di essere stati sul pezzo, anche questa volta… Anche perche’ noi facciamo i giornalisti non gli inviati poco speciali di chi va in giro decorato di una variopinta coda di paglia. Grazie… Conversare con un comune cittadino e’ sempre un piacere.

    2. Una dipendente dell'ospedale ha detto:

      E secondo lei nominare per la maggior parte primari che vengono da fuori è fare cambiamento? Umiliare professionisti che fino adesso hanno dato la vita per questo ospedale andando a valutare titoli in maniera impropria, licenziare senza appello solo perché si è osato denunciare le inadempienze, segnalare un disservizio. Cosa ne sa il comune cittadino di chi ha fatto il coordinatore senza essere pagato per più di 10 anni, per chi non ha avuto per anni orario di smonto, per chi ha avuto una denuncia e pagato 3000 euro di avvicato per difendersi da accuse inesistenti e poi non essere coordinatore ma dover andare a fare un concorso con chi mentre tu lavoravi aveva tempo per fare titoli? Cosa sapete voi comuni cittadini di quello che viviamo ogni giorno noi in azienda? Noi come dice la direttrice sanitaria siamo delinquenti che ogni giorno come coordinatori o come primari o come semplici infermieri salviamo e curiamo vite umane. Anche se per voi tutti siamo colpevoli di reati che per la nostra coscienza non.abbiamo commesso

      1. Un amico ha detto:

        Cosa ne sa il cittadino che in azienda c’erano coordinatori abusivi nominati dal primario al quale facevano i servizi, cosa ne sanno i cittadini che i coordinatori abusivi hanno firmato ispezioni false per poi essere prosciolti dai bravi avvocati in cambio dei 3000 euro, cosa ne sanno i cittadini che ai coordinatori abusivi da fastidio fare un regolare concorso con regolare valutazione dei titoli, cosa ne sanno i cittadone che chi ha consegnato i titoli lo ha fatto con i propri soldi al di fuori dell’orario di servizio, cosa ne sanno i cittadini…..

  2. Michele ha detto:

    La direzione sanitaria non esiste per cui non può aver fatto i controlli. Quella di carmine iovine era una direzione sanitaria questi si quattro farlocchi

  3. Caterina ha detto:

    ….e stavolta il bagno non è pulito e il topo non c’è l’hanno potuto mettere. E siamo al terzo piano. E non può essere lo stesso della dialisi perché è troppo lontano. E li vicino ci sono le sale parto ed i neonati. E voi direzione sanitaria siete una chiavica. Adesso devono sospendere voi e licenziarvi come hanno fatto a napoli per omesso controllo.

  4. Luigi ha detto:

    In questo ospedale se vuoi avere risalto devi essere una zoccola
    E questa è la migliore rappresentazione fotografica di aspirante-coordinatrice-scalpitante-pretendente e prepotente.
    Se son amanti fioriranno

  5. Diletta ha detto:

    Al convegno di lunedì magari sarà tra la folla per dare man forte all’impeccabile gestione.

Comments are closed.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+
PUBBLICA ASSISTENZA SAN MICHELE SERVIZIO AMBULANZE 24 H24
Trasporto sangue e organi
Trasporto infermi
Assistenza medica e infermieristica
Assistenza sanitaria in manifestazioni di enti Pubblici e Privati
Accompagnamento per terapie e visite mediche
Autoriz. Reg. N°2007/24465

Ho compreso che...
le persone possono dimenticare ciò che hai detto.
le persone possono dimenticare ciò che hai fatto.
ma le persone non scorderanno mai come le hai fatte sentire.
Dott. Carozza Michele

339.5082804 - 335.6094623 - 0823.458796
VIA LIGURIA, 21 - 81020 SAN MARCO EVANGELISTA (CE)