SESSA AURUNCA, CONVEGNO NUMISMATICO-FILATELICO INTITOLATO A NICOLA BORRELLI (1878-1952)

0
5
SESSA AURUNCA – Domani, sabato 15 E domenica 16 si svolgerà il primo Convengo Numismatico-Filatelico intitolato all’illustre Sessano Nicola Borrelli.
L’iniziativa, organizzata da appassionati collezionisti aurunci, è inserita nella manifestazione “Natale al Castello” patrocinata dal Comune di Sessa Aurunca, che si svolge nella aristocratica cornice del Castello Ducale di Sessa Aurunca.
Sarà possibile visitare l’esposizione numismatica gratuitamente, nei giorni di sabato e Domenica dalle ore 10:30 alle ore 19:30.
Saranno presenti a Sessa oltre 12 tra i più importanti esperti numismatici nazionali, che esporranno le loro collezioni e per chi è interessato ci sarà la possibilità di acquistare o scambiare monete o banconote.
NICOLA BORRELLI_1878 – 1952

Al convegno numismatico-filatelico di Sessa Aurunca, sarà possibile tra l’altro acquistare il preziosissimo Manuale delle monete di Napoli 1674-1860 di Pietro Magliocca, ma anche il suo ultimo volume, edito da pochi giorni “Nuove considerazioni sulla moneta di Napoli negli anni 1616-1623”. Nella giornata di sabato, inoltre, sarà presente in sala l’autore che si è reso disponibile ad autografare le copie dei suoi volumi.

Ci saranno anche appassionati di materiale filatelico, stampe, cartoline d’epoca, medaglie e cartografie; insomma un’occasione unica per gli appassionati del genere e per i curiosi.
Gli organizzatori, hanno voluto intitolare il convegno a Nicola Borrelli, per la grande passione che l’artista Aurunco ebbe verso la numismatica; fu fondatore e direttore del periodico bimestrale “Bollettino di Numismatica e Scienze affini: Medaglistica, Sfragistica, Araldica” nel 1929. Pittore, scrittore, appassionato d’arte, nacque nel 1878 e dedicò la sua vita agli studi storici ed alle arti che esercitava in prima persona. Grande amico del Re d’Italia Vittorio Emanuele, con il quale condivideva la passione per la collezione delle monete antiche, fu spesso suo ospite presso la residenza reale per fornire consulenze in materia numismatica; visite che il Re d’Italia ricambiò spesso in segreto presso l’abitazione del Borrelli nella frazione di Piedimonte di Sessa Aurunca, dove morì nel 1952 e dove gli è stata intitolata la piazza centrale.