PIANO OSPEDALIERO & PATERNITÀ PRESUNTE

0
2

(f.n.) – Lo sbalordimento dinanzi alla spudoratezza della fantasia è di quelli che tolgono il fiato…ma la strategia dei soliti noti è talmente chiara e scontata, che il “disorientamento di massa” questa volta, è durato “giusto” il tempo di prendere coscienza dell’ennesimo saggio di “cialtroneria” di origine controllata… Il Piano Ospedaliero che ha elevato il Presidio Ospedaliero San Rocco a Dea di I livello ha offerto la biada ai ronzini che, pensando di essere puledri di razza,  chioma al vento, stanno nitrendo da ieri…Da mesi si fanno carte false con relative piroette dialettiche, per accreditare nell’immaginario collettivo, la costruzione di un nuovo ospedale per Sessa Aurunca, dando per scontato che il San Rocco fosse un vecchio presidio inservibile, bypassando ovviamente sull’incuria, sulla disattenzione e sul menefreghismo politico imperante che lo avevano, chissà perché, ridotto in quello  stato……ed oggi… improvvisamente si sciolgono carmi e si intonano magnificat alla vittoria, non si sa bene di chi e non si sa bene perché… Nel mese di maggio u.s. il sindaco di Sessa Aurunca, piroettava su fb parlando di un ospedale tutto nuovo e di un investimento di oltre 60 milioni e di come la “politica vera” del consigliere Oliviero, facesse la differenza per la città…Intanto il San Rocco franava su  se stesso in virtù di una calcolata e spregevole manovra di affossamento delle eccellenze presenti e dell’innalzamento delle incapacità dilaganti… Oggi lo stesso sindaco di Sessa, inneggia e si spertica, mugolando di piacere intellettuale nella prateria facebookiana, con poderosi “avanti tutta” e parla di “risultato straordinario” e di azione determinante del consigliere Oliviero…Ma non era il consigliere Gennaro Oliviero, la stessa persona che, con proprietà di linguaggio e petto in fuori, concludendo i lavori dell’Assemblea del Comitato “San Rocco Bene Comune”, il 26 novembre u.s., dichiarava solennemente e con aria di tenebroso ed infausto vaticinio, che il San Rocco non avrebbe mai ottenuto il certificato di agibilità? Siamo dinanzi ad un saggio di schizofrenia dialettico-politica corredato da sbattute di occhi ed applausi in sottofondo…oppure qualcuno crede davvero che, per il fatto che si è taciuto ieri, oggi chiunque ritenga di essere autorizzato a pensare che abbiamo l’anello al naso? Qualcuno ci aiuti a capire…Il consigliere Oliviero, da una parte demoliva il futuro del San Rocco e dall’altra lavorava per elevarlo a Dea di I livello?. .Ma guarda …ma chi l’avrebbe detto…sembra di assistere in un coregrafico amarcord alla maniera spicciola di far politica nei “vasci” del pensiero …quando il potente di turno sosteneva la candidatura dell’uno e dell’altro contro, così alla fine vinceva sempre…Sia chiaro che la notizia dell’avanzamento del San Rocco ci fa enormemente piacere e va esattamente nella direzione auspicata…ma che nessuno venga a prendersi meriti senza spiegare dettagliatamente perché ritenga di esserseli conquistati…Noi riteniamo invece che i dettati del Piano Ospedaliero, offrano chiara lettura delle reali intenzioni della Regione e soprattutto facciano giustizia sommaria dei bluff di ieri, di oggi e di domani…Hasta la vista!