OSPEDALE, LISTE D’ATTESA…QUALCHE VOLTA RITORNANO…

1
8

(f.n.) – Onore, gloria e merito!, avremmo potuto fare i sofistici e scrivere che il ripristino della legalità, non dovrebbe essere salutato con cento colpi di cannone,  perché non costituisce che la “conditio sine qua non” , all’origine di ogni percorso gestionale…ma noi, invece, vogliamo rendere merito, e lo facciamo pubblicamente, al manager dell’Aorn Mario Ferrante, che oggi, dopo ben 18 mesi, entra a gamba tesa in una delle anticamere più vischiose del potere occulto che governa l’Ospedale di Caserta, che è quello delle liste d’attesa…resta miracolosamente in piedi e con uno scatto da campione vola oltre il brusio minaccioso dei servi spalmati nell’ombra, prende elegantemente per il cravattino la Gesan, che fino ad oggi ha fatto finta di essere popolata da sordi a comando, la richiama all’ordine e la invita ad adoperarsi per offrire un senso compiuto ai soldi che incassa…Morale: il manager con un colpo a sorpresa ha ripristinato le liste d’attesa di area medica … il che “vor dì” che dal 1 gennaio 2019 il Cup dovrà funzionare come si deve e dimenticarsi la sinfonia del “qui non si ricovera” e “se stai male ti conviene andare al Pronto Soccorso” e “se hai un amico qua dentro bene altrimenti ti attacchi al tram” con i vari Matano’s boys che intervengono soltanto per evitare l’ennesima querela…Dal 1 gennaio 2019, chiunque ne abbia bisogno, potrà programmare un ricovero di elezione secondo le regole stabilite. Il primo passo, il più importante è stato fatto…adesso sarà opportuno che il manager si attrezzi per i giorni di festa, perché “l’atto di coraggio” dovrà essere purgato in qualche modo e niente di più facile che la sconsideratezza del potere, sentendosi scalfita, decida di creare la solita crisi al Pronto Soccorso …tanto per far capire chi è che comanda…Purtroppo fino ad oggi ha funzionato…ha funzionato anche con i commissari, grazie al “messo dominico” “o bellillo” che andava e riportava e sanava… E passiamo al secondo passo, altrettanto importante…Molto democraticamente, “troppo” secondo la scuola di pensiero dei brutti sporchi e cattivi, il manager ha informato che la percentuale di ricoveri in elezione verrà definita di concerto con i singoli direttori di UOC. Attendiamo quindi la definizione della percentuale, prima di promuovere in toto la mossa del manager…Purtroppo la storia insegna che “la legge migliore prevede l’inganno…e più interessante ed inattaccabile appare la legge, più sottile e nascosto potrebbe essere l’inganno…appunto” …del resto la politica gattopardesca è tuttora oggetto di discussione ai massimi livelli…quindi fidarsi è bene, ma attendere la conclusione e la prova di resistenza è meglio. Per adesso…cautamente ma sperando….hasta la vista Ferrante!

1 commento

  1. O reuccio del pronto soccorso ed i suoi amici si sono intossicati il capitone. Speriamo solo che il dott Ferrante continui ad andare avanti nel suo cambiamento

Comments are closed.