PREMIO BUONE NOTIZIE 2019,UNDICESIMA EDIZIONE PER LA CIVITAS CASERTANA

(GL) CASERTA – Si è svolto all’interno della sede della Biblioteca Seminario Vescovile, nel cuore di Caserta, l’undicesima edizione del “Premio Buone Notizie”, che per l’anno 2019 è stato conferito a Don Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana, ad Alessandra Sardoni, conduttrice di Omnibus su La7 – approfondimento politico quotidiano del telegiornale di Enrico Mentana –  e a Stefano Lampertico, direttore di “Scarp de’ Tenis”, unica rivista di strada italiana. Nelle intenzioni dei promotori, Michele De Simone (presidente Assostampa), Luigi Ferraiuolo (Segretario Generale Premio Buone Notizie) e Franco Tontoli (vice presidente Premio Buone Notizie), il prestigioso premio di anno in anno si riconferma una valida opportunità di riflessione sul settore giornalistico, sulla promozione del valore dell’informazione obiettiva e non faziosa, e sulla qualità delle notizie, oltre che ad essere uno dei vanti della città di Caserta.

L’incontro, a cui hanno preso parte molti giornalisti casertani, è stato moderato da Luigi Ferraiuolo e aperto dal giornalista Franco Tontoli; quest’ultimo ha introdotto gli esponenti illustri della giuria: Mons. Giovanni D’Alise, Don Nicola Lombardi, Don Valentino Picazio e Michele De Simone.  Di notevole interesse l’intervento di Stefano Lampertico che ha imbastito il suo contributo sulla scelta di essere firma e poi nel tempo direttore del primo giornale di strada italiano, Scarp de’tenis, come il titolo di una nota canzone di Enzo Jannacci, nato nel 1994 dall’intuizione di un imprenditore milanese sull’impronta della pioneristica rivista  inglese “The Big Issue”.  Presente dal 1996, anno di uscita del primo numero, “Scarp de’ Tenis”, dopo il suo esordio a Milano, oggi si riconferma nella sua esclusività come un giornale di strada sostenuto come progetto Caritas in 13 città italiane e viene venduto da homeless, che attraverso la vendita di un giornale di contenuti e qualità, riescono a mettere insieme un reddito dignitoso. Ma Scarp de’ tennis si rivela anche come strumento di garanzia della dignità, dal momento che gli stessi homeless possono apportare con la loro scrittura un c

ontributo importante, raccontando le proprie storie di strada. A Napoli è in funzione un vero laboratorio di scrittura creativa per le persone in difficoltà che conoscono la vita di strada e vissuto ogni difficoltà. Il principio cardine è che tutti devono avere pari dignità. Una riflessione sul rapporto stringente tra politici e giornalisti, e politica e giornalismo, è il fulcro del contributo di Alessandra Sardoni invitata a definire una sua opinione sulla politica italiana. La giornalista di La7, ha incentrato la sua analisi sul valore dell’elemento dello scontro nel dibattito come un fatto reale, e non solo come mezzo di audience, definendo che se da un lato segue binari sbagliati, dall’altro talvolta genera cambiamenti.
“Esistono dei rischi nel vedere da vicino la politica” – afferma la Sardoni – perché vuol dire vederla dai palazzi. Questo fa sì che esiste l’elemento della contiguità, ossia non bisogna dimenticare che si lavora a stretto contatto con i politici ed è difficile non mettere in campo una normalizzazione dei rapporti, cosa che giornalisticamente nasconde poi dei rischi. I giornalisti esperti di politica per un’analisi obiettiva – dichiara la Sardoni – hanno il dovere di seguire in modo critico e dialettico tutte le forze politiche”. Un excursus sulla nascita di Famiglia, Cristiana nelle sue evoluzioni dalle origini fino ad oggi, è stato il senso dell’intervento del direttore don Antonio Rizzolo, che sottolinea la grande svolta avvenuta nel 1960, quando fu inserita l’attualità che l’ha resa un news magazine.

Il “Buone Notizie” premia anche la “Buona notizia dell’anno” riconosciuta all’avvocato Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo, che amministra una delle istituzioni di filantropia e beneficenza più rinomate d’Europa. Il premio, una scultura di bronzo che rappresenta la Civitas casertana, è stata creato da don Battista Marello, sacerdote ed artista riconosciuto. La consegna ha goduto della benedizione del Vescovo D’Alise, che da oltre 10 anni appoggia l’organizzazione del Premio. Il “Premio Buone Notizie”, ideato dall’UCSI e dall’Assostampa di Caserta, è organizzato insieme con l’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Caserta, il ‘Corriere Buone Notizie’ del Corriere della Sera e gode del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti Nazionale e della Campania; della Fisc; del Sindacato giornalisti campani con media partener il quotidiano Il Mattino e Tv2000.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+