OSPEDALE, ATTIVARE IL CLIC DELLA COERENZA PRIMA DI PARLARE…

0

(f.n.) – In mancanza di comunicati ufficiali ci accontenteremo delle varie autocelebrazioni che si spalmano su facebook, mescolandosi alle “massime” di giornata e alle “minime” spesso pietose, di chi si dibatte tra i congiuntivi ed i neologismi dal significato oscuro…Fatta salva l’ipocrisia di maniera, propria di ogni convegno e di ogni ouverture, apprendiamo che l’incontro che si è tenuto nell’aula magna dell’Aorn nei giorni scorsi, a proposito di una Sanità che si incontra con la Città, le cose non sono andate proprio lisce, come si vorrebbe far credere a quella città che, tutto sommato era assente…e dovremmo ammetterlo se ci decidessimo infine ad essere chiari e sinceri e a non recitare la parte dei soliti ipocriti, che si accodano al gregge di tendenza e dicono esattamente ciò che tutto il resto del cerchio più o meno magico, si attende che dicano. A prescindere dall’incidente di percorso tra il manager ed il Tdm, si è registrata anche la solita critica in ouverture, interamente dedicata al nostro sito…la qual cosa era ovviamente in programma, a consolazione di tutti coloro che mal sopportano le ustioni da verità cruda… Non fa specie che si citi un sito on line, che tutti i giorni “denigra” la sanità casertana, ma fa specie che non si spieghino le ragioni per le quali, non dovrebbe farlo…fa specie che non si smentisca, punto per punto, quel “denigrare” di cui si parla e si recita…fa specie che non si dimostri il contrario, di quanto quel sito afferma… e fa specie che si continui a recitare una parte “di maniera” soltanto perché in quel momento è quello che ci si aspetta dall’oratore…e gli equilibri della carriera… vanno salvaguardati, soprattutto se si è in coppia. Il problema consiste nel fatto che, mentre si salvaguardano gli equilibri dei potenti, i diritti degli altri vanno a carte 48. Da dove comincia il teatrino dell’ipocrisia?,  dall’aula magna, dal pronto soccorso o dal day surgery?, o magari dal sottotetto…ci si chiede dove fossero allocati i vari presidenti dell’ordine dei medici, che si sono susseguiti negli ultimi dieci anni, ogni qualvolta l’ennesimo utente usciva “scornato” dal Cup perché gli avevano comunicato che non si programmavano ricoveri in area medica…Ci si chiede dove fossero prima di adesso…Perché non vanno dai medici di base a chiedere conto di certe anomalie, che nel tempo si sono perpetuate, invece di fare i “bellilli” nei convegni ed assecondare i desiderata del cerchio magico criticando i siti on line che non si fanno i fatti propri? È molto più comodo far finta di niente, visto che in quell’Ospedale se non ti adegui ti giochi il posto…A pensarci bene è davvero una vergogna quello che succede da quelle parti!