PREMI, DAME & PEDINE

0
14

E poi…ci sono le ochette…quelle che hanno conquistato, dopo un lungo estenuante “paperiare” nello stagno, un posto di privilegio sulla secca “merlata” in fondo a destra/sinistra/al centro…accanto al reuccio d’occasione, brillante ranocchietto verde e coronato, che continua a spargere. gracidando, le proprie mascoline virtù’ sulla popolazione di anatre, folaghe e paperette in technicolor…una bella favola che rinfresca la memoria dei tempi andati, quando la nonna raccontava storie di vita ed indulgeva nell’insegnamento, attraverso la parabola degli animaletti del bosco e dello stagno… E così… quando il livore corre sui social, irrefrenabile ed incontrollato e tanto più esecrabile, quanto privo di senso…le similitudini. i risvegli, gli accostamenti ed i paragoni, diventano addirittura automatici e rivendicano una giusta attenzione nei confronti dei post velenosi ed un conseguente commento diventa doveroso, affinché il loro fermentare pernicioso, non conferisca agli autori più valore di quanto in realtà non ne abbiano… A scatenare rabbie antiche e trasversali, è stato il riconoscimento meritato e conferito ad una donna della nostra terra…ci si sarebbe aspettato l’unanime consenso, quello che si tributa, quando l’intelligenza ed il buonsenso ravvisano nella gratificazione ottenuta da uno di noi, un riconoscimento ad una terra martoriata e confinata ai fanalini di coda del Paese. Ma…giustamente…è una questione di intelligenza e se la medesima” non produce particolari sfolgorii, capita che “ochescamente” e su direttive in diretta dalla secca merlata, si risponda e si commenti fuori posto, fuori luogo e ahimè fuori secca, mescolando fischi per fiaschi…ed accecati dalla rabbia, per sminuire un riconoscimento ad una casertana impegnata nella Sanità si parla di un episodio di malasanità in terra partenopea…sembra di vedere la schiuma alla bocca di due piccioncini fuori dalla gronda in cerca del vermetto docente, che fa lezione dalle 16 alle 18 della domenica di Pentecoste….ahiahiahi lei… ci va cadere proprio sul nome…