CAB, GENNARO OLIVIERO: I MOTIVI DELLA SOPPRESSIONE DEL CONSORZIO

0

IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AMBIENTE IN CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA, SPIEGA I MOTIVI CHE HANNO PORTATO LA GIUNTA AD APPROVARE UNA DELIBERA CHE ELIMINA IL CONSORZIO AURUNCO DI BONIFICA, PER TRASFERIRNE COMPITI E DIPENDENTI IN QUELLO DEL VOLTURNO

GENNARO OLIVIERO (PD) – GIUNTA SALVA I DIPENDENTI DEL CAB

SESSA AURUNCA – “Ancora una volta, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca e il Vice Presidente, Fulvio Bonavitacola, con il loro impegno, dimostrano quanto interesse hanno per le sorti del nostro territorio –esordisce il Presidente della Commissione Ambiente, Gennaro Oliviero, Consigliere regionale del PD -.

Condividendo la mia istanza politica, grazie alla odierna Delibera numero 220, si compie il primo passo per la definitiva liquidazione del Consorzio Aurunco di Bonifica, le cui competenze e dipendenti a tempo indeterminato sono trasferiti al Consorzio di Bonifica Bacino Inferiore Volturno, di Caserta.”

“Ormai – aggiunge – l’elevata esposizione debitoria pregressa e i continui pignoramenti, paralizzavano la regolare prosecuzione dell’attività dell’Ente con sede a Sessa Aurunca. Preso atto di questa situazione di stallo, diviene vano proseguire in dispendiosi e infruttiferi tentativi di salvataggio, nonostante l’encomiabile impegno e i numerosi sforzi profusi dall’attuale Commissario Straordinario, avv. Ciro Foglia.

Nell’atto, gli obiettivi prioritari considerati sono stati: continuare a fornire il necessario servizio di bonifica per dei luoghi ad alto rischio idrogeologico, tutelare le maestranze interne arrivate allo stremo per le numerose retribuzioni pregresse non percepite e continuare ad erogare il servizio di irrigazione per i tanti agricoltori serviti dal CAB”.

“L’attenzione posta, sono certo servirà da stimolo a tutto il comprensorio; in un momento di grave crisi occupazionale, salviamo posti di lavoro, sosteniamo il settore primario, così importante per la nostra economia e proteggiamo gli equilibri dell’ecosistema locale – conclude Gennaro Oliviero.