CANCELLO ED ARNONE, BIBLIOTECA COMUNALE: SI AVVICINA LA RIAPERTURA

0

CANCELLO ED ARNONE – L’Amministrazione Comunale, mira al raggiungimento di particolari obiettivi culturali, come la promozione e lo sviluppo della propria biblioteca quale struttura capace di assolvere funzioni di intermediazione nel campo dell’informazione e della comunicazione a favore della comunità locale, la creazione e il rafforzamento nei giovani dell’abitudine alla lettura, l’adozione di iniziative atte a diffondere la conoscenza della storia e delle tradizioni locali. “Con delibera di Giunta n. 78 – afferma l’assessore alla cultura Di Puorto- abbiamo accolto l’istanza della Pro Loco “Terre di Cancia e Lanio” che si rendeva disponibile ad occuparsi della gestione della Biblioteca comunale.  La Pro Loco, nella persona di Melania Di Benedetto, sta svolgendo un lavoro immane di risistemazione e catalogazione dei libri, al fine di garantire la libera consultazione dei testi da parte della cittadinanza e la diffusione del patrimonio da essi custodita.La nostra biblioteca è in possesso di un numero considerevoli di libri, la maggior parte dei quali donati dal prof. Vincenzo De Caprio, che la rendono un patrimonio culturale di testi unici e preziosi”.Proprio in virtù di questo e della richiesta fatta pervenire dal prof. De Caprio all’Ente con la quale proponeva all’Amministrazione di valutare la possibilità di intitolare la Biblioteca alla sorella Clotilde De Caprio, con delibera di Giunta n. 79, l’Amministrazione Comunale ha accolto la richiesta esprimendo la volontà di dedicare la Biblioteca alla memoria della valente cittadina Clotilde De Caprio e di trasmettere tutta la documentazione alla Prefettura – UTG di Caserta per l’attivazione del necessario iter autorizzativo, ai sensi della Legge n. 1188/1927, trattandosi di persona deceduta da meno di 10 anni.“Ci siamo quasi, quindi, per la riapertura al pubblico della Biblioteca – conclude l’assessore. Si sta lavorando anche per renderla consultabile online dal sito istituzionale del Comune.La rinascita culturale di un paese passa anche attraverso la valorizzazione della sua cultura”.