SI TEME PER LE SORTI DEL COMUNE, MA NESSUNO PARLA!…VABBÉ, CONTINUIAMO COSÌ … FACCIAMOCI DEL MALE

–  di Costantino Beltrami  – 

Un silenzio assordante avvolge il comune di Caserta, il clima è quello di quando si attendono gli esiti di un esame clinico importante per la propria salute, che a seconda del risultato potrebbe stravolgerti la vita in negativo, per cui si preferisce non parlarne, quasi per esorcizzare il momento, si pensa ad altro. Dopo il nostro scoop sulla possibilità della bocciatura del bilancio comunale da parte del ministero, notizia che reputiamo importantissima per la cittadinanza, tanto da aver invitato il sindaco o l’assessore a chiarire la questione anche attraverso le pagine del nostro giornale, non abbiamo ricevuto nessun feedback né dal sindaco e nemmeno dal suo establishment. È talmente pieno il suono del silenzio che nelle stanze della casa comunale si riesce a percepire pure il battito d’ali delle mosche, incredibile. I rumori sono ovattati, si lavora in una atmosfera surreale, come surreale è il comportamento della classe politica cittadina. Bocche cucite, tutti preoccupati, perché nonostante ostentino sicurezza loro sono preoccupati … però bisogna capire di cosa? I più maligni potrebbero insinuare che sono in apprensione per l’eventuale perdita della poltrona, o magari dei gettoni di presenza o dello stipendio da assessore, mentre altri potrebbero immaginare che sono preoccupati invece per le eventuali conseguenze giudiziarie derivanti dal voto dell’atto incriminato, poi ci sarà sicuramente qualcuno che ottimisticamente attribuirà questa preoccupazione alle ripercussioni che un macigno, come quello che si potrebbe preannunziare sotto forma di letterina, sortirebbe nell’economia e nella tenuta amministrativa cittadina. Intanto, le bocche sono cucite, che cosa dice la commissione consiliare sul bilancio? Nessun consigliere comunale si esprime in merito, al massimo bisbiglia, è vero che per l’evidente mancanza di favella da parte dei consiglieri di maggioranza non ci preoccupiamo più di tanto, in realtà la maggior parte di loro non ha dato mai prova di grande eloquenza, ma quello che invece ci spaventa è l’assenza interlocutoria da parte dei consiglieri di quella che abbiamo difficoltà a definire opposizione. Nessuno, né attraverso atti e tanto meno con interventi a mezzo stampa ha chiesto lumi su quanto sta accadendo. Un atteggiamento che lascia pensare sulla promiscuità e sulla trasversalità dilagante che caratterizza negativamente questo consiglio comunale, dove si parla sempre più spesso del sesso degli angeli e si trascurano le questioni importanti che purtroppo determinano, nel bene e nel male, la vita della nostra comunità. Se questo è il modus operandi di chi magari domani si presenterà come alternativa a questa amministrazione, non ci resta che chiudere questo pezzo con una battuta di Nanni Moretti nel film Bianca … “Vabbè, continuiamo così … facciamoci del male”.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+