UNIVERSIADI, ULTIMO GIRO ULTIMA CORSA…

1
32

(f.n.) – Il desiderio di pace ed armonia, sovente, induce a lasciar perdere e a rimandare le precisazioni ad un altro momento…onde evitare che si inneschino esplosive polemiche ma… d’altro canto… lasciar perdere quando qualcuno sostiene tutto ed il contrario di tutto, potrebbe “innescare” un altro pericolo…quello di lasciare che attecchisca nell’immaginario collettivo, una verità di parte, mentre le cose stanno in tutt’altra maniera. Prendiamo un esempio a caso…l’ineffabile presidente dell’Agis con delega de facto a fare il direttore, il guardiano, il controllore ed il giustiziere dello Stadio del Nuoto…prendiamolo ad esempio e leggiamolo nel day after delle Universiadi, momento in cui si è particolarmente distinto per la collezione di “figurelle” che ha equamente diviso con il presidente della Provincia…leggiamo che “le Universiadi sono state un grande evento e che Caserta si è fatta trovare pronta all’appuntamento etc etc….non posso non rimarcare alcune lacune e su questo mi farò sentire…Ad esempio non vi era una sufficiente aria condizionata ma i punti di malagestione sono tanti. Comunque rimango soddisfatto di come stanno andando le cose con la mia presidenza…” Insomma…le cose sono andate bene o sono andate male? In cosa consiste la malagestione? I condizionatori installati secondo una logica che qualcuno ha definito a “membro di borzoi russo”, a chi devono l’armonia della loro inutile ma coreografica sistemazione?, le lacune evidenti evidenziate dalle lamentele generali, sono state quelle relative alla scarsa pulizia dello Stadio del Nuoto…ma non è lui che coordina le squadre?; non è lui che non consente a nessuno di fiatare?, o vogliamo parlare di quanto si è vocifera nell’ambiente, riguardo un suo presunto atteggiamento arrogante, che sarebbe stato orientato ad impedire che i dipendenti della cooperativa delle pulizie avessero rapporti con i responsabili tecnici ufficiali dell’organizzazione delle Universiadi?, tra l’altro… è risaputo che la sua predisposizione al comando sempre e comunque, gli abbia alienato parecchie simpatie…A tale proposito, corre voce che abbia stoppato sul nascere ed in maniera poco garbata, qualche debole protesta da parte di operai, che avrebbero notato qualcosa di poco chiaro sulla busta paga… impedendo persino l’intervento di un sindacalista…Uno spaccato davvero esaltante della gestione politica di qualcuno che studia da Pol Pot della Valle di Suessola….E per ritornare alle lamentele, visto che Peppino il Polpottino, ha dichiarato che “si farà sentire”,  si presume dai colpevoli, ricordiamo quelle relative alla pioggia che scrosciava nella piscina nel corso della partita e la domanda nasce spontanea…ma non è stato lui a dare ordini precisi per far sistemare il tetto, postando le foto sui social?, ed a proposito della sua dichiarata presenza H24 sul fronte dello Stadio del Nuoto in occasione dell’evento, qualcuno da Radio Piscina, segnala che lo si vedeva soltanto per i selfie di rito…Un coreografico ed interessante curriculum quello “ultima maniera” del presidente dell’Agis, giusto quello che occorre in vista delle elezioni regionali in quota “Magliocca Fi”,  alle quali parteciperà in previsione di potersi candidare, ben sostenuto dal suo mentore, a sindaco di Arienzo, secondo i calcoli preventivi in cui la nostra politica, vera e propria scuola del pensiero filosofico sulle sagre del puparuolo ‘mbuttunato è maestra…Hasta la suerte!

1 commento

  1. ” Se volete sapere quello che pensa un uomo, non badate a quello che dice ma solo a quello che fa”. ( Don Bosco)

Comments are closed.