OSPEDALE, CONSULTAZIONI DI MERCATO SULLA CARTA INTESTATA DI FERRANTE

0

(f.n.) – Dopo il buio della notte, lunga e silenziosa… ecco spuntare l’alba…ovviamente non si tratta ancora di una di quelle belle albe luminose, siamo ancora, purtroppo,  nella fase claudicante,  perché, (tanto per non fare torto all’abitudine) cerchiamo disperatamente di apparire comme il faut…ma con l’intestazione sbagliata…Ahiahiahi, l’indaffarattissimo Vittorio Emanuele Romallo, direttore della Uoc Tecnologia Ospedaliera, ha avviato una consultazione preliminare di mercato per la fornitura di un videodermatoscopio in epiluminescenza digitale, ma evidentemente è andato in ansia ed ha utilizzato per la sua consultazione, peraltro controfirmata dal direttore della Uosd di Dermatologia, cui è destinato l’apparecchio, la carta intestata dell’Aorn, in uso nella precedente gestione. Infatti si legge: direttore generale Mario Nicola Vittorio Ferrante. Lodevole iniziativa che consentirà a tutti coloro che ne faranno precisa richiesta, di usufruire dello stesso identico trattamento che fino ad oggi è stato riservato a coloro che prenotavano la visita intramoenia. I ritardi e le varie “cofecchie” che li hanno determinati appartengono già al passato. Importante è la consultazione di mercato e naturalmente la celerità nella concretizzazione dell’acquisto. Un ultimo dubbio: il numero di protocollo è 0022132/u del 19 agosto 2019 e come abbiamo detto nell’intestazione figura ancora il nome di Mario Ferrante… se non fossimo brutti, sporchi e cattivi, penseremmo  ad uno sbaglio possibile, dovuto alla fretta di agire, che caratterizza i solerti direttori di UOC come Romallo, ma…poiché non siamo ancora diventati belli, buoni e puliti…oseremmo persino pensare, che la consultazione di mercato, fosse stata avviata, cioè “scritta” per ordine del manager Ferrante, qualche tempo fa….dal momento che non si può dire che la questione dell’apparecchio per l’epiluminescenza digitale, ad uso esclusivo dei privilegiati paganti,  sia una scoperta attuale…ma che qualcuno l’aveva dimenticata nel cassetto, oppure nella confusione quotidiana dell’ora di pranzo, al grido “tutti a tavola!”, sia finita in mezzo alle delibere spostate alla carlona, per far posto al “piatto caldo”…Si spiegherebbe la carta intestata del direttore  Mario Ferrante e la celerità con cui la consultazione è apparsa, nella home page del sito dell’Aorn…E se fossimo ancora più brutti, più sporchi e più cattivi di quel che siamo, potremmo addirittura pensare che tutto è stato architettato per far pensare al commissario, che la consultazione di mercato, era stata decisa da tempo…carta intestata vecchia, firma di Ferrante e… protocollo recente… Noi ovviamente saremo anche maligni ma, in qualunque dei tre casi… sembrerebbe proprio che i due firmatari, abbiano preso uno scivolone, sul viale in discesa della “malafede”. Come al solito… i principini della palazzina “grigio topo spento” quando fanno le cose… partono sempre dal presupposto che dall’altra parte del muro, l’umanità si divida in due grosse tribù: quelli con l’anello al naso ed i distratti…e naturalmente… in mezzo, nello spazio sacrale degli eletti, che  ruota e paparea su se stesso, il cerchio magico ed i suoi adepti, che sono sempre i più intelligenti di tutti…dei veri geni!…A proposito… l’apparecchio per l’epiluminescenza digitale attualmente in uso al direttore della UOC di Dermatologia, continuerà la sua funzione?, verrà registrato?, verrà rottamato?, verrà collaudato?, verrà portato all’attenzione di Romallo che continuerà ad ignorarlo o assieme al direttore della Dermatologia stenderà infine, una piccola e doverosa relazione sugli apparecchi fantasma e loro uso attraverso gli anni nei reparti dell’Ospedale di Caserta? Hasta la suerte!