MONDRAGONE, LE BATTAGLIE AMBC: L’ASSOCIAZIONE FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

0

MONDRAGONE – Il dialogo che –per fortuna– spesso si instaura con alcuni amici che ci seguono ci offre la possibilità di ritornare, seppur brevemente, su questioni già trattate. La nostra recente segnalazione riguardante le iniziative portate avanti dall’Associazione Parole O_Stili ha suscitato particolare interesse, soprattutto in ambito scolastico. Segnaliamo perciò il quarto incontro annuale dell’Associazione Parole O_Stili, che quest’anno si terrà a Trieste l’8 e il 9 maggio 2020 e, soprattutto, il video dell’ultima edizione. Buona visione.

 Qualcuno ci ha segnalato che a distanza di otto giorni dalla proposta dell’AMBC al sindaco Pacifico di transitare quanto prima all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), la sindaca di Cellole  ha informato dell’avvenuta adesione di quel comune all’ANPR . A quando anche Mondragone?  Un nostro affezionato amico ci ha mandato un messaggio che diceva: <Ecco le Regioni che garantiscono le cure ai cittadini: Emilia al top, Campania in coda>. Era un articolo de Il Sole 24 Ore del 27 Novembre scorso, che riportava i dati della Fondazione Gimbe sul monitoraggio dei LEA. Intanto, il solito Sommo Governatore sbraita per superare il commissariamento e  il solito Consigliere sinergico, ormai alle comiche finali, aspetta le decisioni dovute della giunta regionale per intestarsele pateticamente, mentre i cittadini mondragonesi e del comprensorio fanno sempre più fatica a curarsi, costretti a peregrinare per la penisola (le 6 Regioni con maggiore indice di fuga generano debiti per oltre € 300 milioni: in testa Lazio 13,2% e Campania 10,3%, che insieme contribuiscono a circa 1/4 della mobilità passiva). Un Mondragonese che ha lavorato in comuni di mezza Italia, un tecnico preparato e garbato, ritorna sull’annosa questione delle deleghe ai consiglieri comunali che Pacifico ad inizio mandato ha illegittimamente conferito, segnalandoci un recente parere, l’ennesimo, del Viminale. L’AMBC ha denunciato in lungo ed in largo questa grave anomalia e spera che, in attesa che questa Prefettura intervenga, almeno qualche delegato <restituisca> la delega e si chiami fuori da questo mercimonio. Una mamma ci sollecita un altro  intervento sulle barriere di vario tipo presenti in città, sottolineando le difficoltà che si hanno ad assistere, per esempio, ad una festa di piazza. L’AMBC e, soprattutto, il nostro carissimo Paolo Palmieri da anni si battono per una città accessibile. E su questa specifica questione segnaliamo la guida gratuita all’accessibilità, un manuale per band, artisti e promotori che si propone di rendere più accessibili concerti e tour, messa a punto dal British Council insieme all’associazione Attitude Is Everything. Due insegnanti ci informano, infine,  di polemiche in qualche plesso a causa delle difficoltà di alcuni genitori <ad entrare con la propria auto  fin dentro le aule> per accompagnare i figli a scuola. I bambini, come si sa, sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’inquinamento atmosferico e non bisogna mai dimenticare di raccomandare l’adozione di un approccio particolarmente mirato a ridurre l’impatto dell’inquinamento atmosferico su di loro. L’Amministrazione Pacifico, in adesione a quanto proposto dall’AMBC e da noi scritto nel programma del sindaco, ha attivato un progetto di Piedibus o Pedibus. E’ un inizio, ma non basta. Occorre prendere in considerazione una serie di interventi per ridurre l’inquinamento atmosferico nelle vicinanze delle scuole e di conseguenza l’esposizione dei bambini, facilitandoli nel camminare o andare in bicicletta a scuola e sensibilizzando l’opinione pubblica in merito al legame tra inquinamento atmosferico e infanzia. L’AMBC propone di  estendere il Pedibus in tutte le scuole  e d’introdurre zone di divieto di circolazione al di fuori delle scuole. Per approfondire: Inquinamento atmosferico e bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui