SANITÀ, IL MEMORIALE DELLA DOMENICA 90

8

(f.n.) – Tra una cosiddetta mascherina ed una veletta da matrimonio di guerra, c’è una sostanziale differenza di qualità, di principio e di intenzione…e nonostante ci si sforzi di non evidenziare, di lasciar perdere e di ridurre all’osso le polemiche, anche quelle inevitabili, certe sfumature urticano e purtroppo rivendicano attenzione, piaccia o no…e sicuramente non piacerà…Ebbene… torniamo ai dispositivi di sicurezza personale e alla loro carenza nelle strutture sanitarie…che continuano ad essere al centro dell’attenzione ed il punto cruciale dell’intero sistema.  Poiché quotidianamente, soprattutto da quando è iniziata questa drammatica emergenza Covid 19,  teniamo il conto non soltanto delle “sciacallate”, delle inadempienze, dei soprusi, delle cose taciute e di quelle manipolate,  ma anche delle iniziative eccellenti, non possiamo non aver notato che, mentre l’Aorn cerca di far fronte con tutti i mezzi a disposizione al momento critico, nonostante i colpi bassi dei soliti noti, e loro diramazioni, non si può dire altrettanto della gestione Asl, a cominciare  dal claudicante tentativo di contrabbandare per efficientissimo, il centro Covid di Maddaloni, alle farfuglianti dichiarazioni del neo direttore sanitario del Moscati di Aversa sui test rapidi, alle flashate dell’altro direttore sanitario del San Rocco di Sessa, ai misteri dei contagiati negli ambulatori Asl di Caiazzo, alle nomine di comodo, sempre e comunque e nonostante tutto, agli operatori del 118 allo sbaraglio, sicurezza zero, al millantato credito del direttore generale. E su questo tessuto sgranato, si innestano le conferenze stampa-monologo, rigorosamente senza interlocutori, del presidente della Regione Vincenzo De Luca, che hanno il pregio di creare un diversivo di “colore” nella monotonia della reclusione forzata…ma ciò che, più di ogni altra cosa, provoca un diffuso e acuto senso di disagio nella popolazione è, paradossalmente, l’unica cosa di cui siamo certi: la totale sfiducia nella veridicità e completezza delle dichiarazioni ufficiali. Le cose nascoste o dette a metà, sono esattamente quelle, che una volta emerse, logorano alla base, l’equilibrio collettivo. Sul milione di test acquistati da De Luca dalla Cina e sulla cui validazione o non, si sono già promulgati editti, espresso autorevoli pareri, stampato enciclopedie, rielaborate le sacre scritture, elucubrato e disquisito finito allo spasimo, non si sa ancora nulla di certo, nulla! E tanto per ribadire l’importanza della sicurezza dei medici impegnati nel contrasto all’epidemia Covid 19, è appena il caso di evidenziare che si è taciuto, anche sulla spedizione di qualche tempo fa, di 620mila mascherine contenute in involucri che riportavano la dizione “maschere Ffp2 equivalenti”, inviati dalla Protezione Civile su indicazione del ministro Speranza alla Federazione degli Ordini dei Medici e risultate non idonee all’utilizzo sanitario. A segnalare l’incidente increscioso alla FNOMCeO fu lo stesso commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri. Si presume che le mascherine in questione, siano state ritirate…o no?, visto che il presidente della FNOMCeO scrivendo agli Ordini provinciali, parla di pericolo scampato, a causa del rischio che avrebbero corso i medici in prima linea e i cittadini, con mezzi di protezione non adeguati, le mascherine avrebbero potuto essere comunque utilizzate dai cittadini che escono per recarsi al lavoro o a fare la spesa e che fanno i salti mortali per trovarle e quando le trovano, sborsano cifre allucinanti pur di averle.  Sarebbe quindi opportuno conoscere la destinazione finale delle mascherine “sbagliate”. Ma soprattutto sarebbe opportuno conoscere il motivo per cui quelle velette indecorose che sono state distribuite nei giorni scorsi all’Asl di Caserta da quale pianeta arrivassero e se non fossero passate al vaglio di Arcuri o dell’Ordine dei Medici e di tutti coloro che inneggiano alla sicurezza e al pericolo scampato…Hasta el Domingo!

8 Commenti

  1. cara dott ssa non certo errare nel proferire espressione in italiano, fa del sig. Pasquale uno brutto, mentitore è cattivo ! Valuti il contenuto. Le cose non vanno e voi state coprendo queste cose…. Chi ci sta dentro lo sa. Questa amministrazione non riesce a gestire le cose, dovrà forse chiedere aiuto? Non si trinceri, cara dottoressa, dietro la dialettica sciolta e dinamica. L’ospedale è allo sbando, il covid 19 ha delle esigenze di organizzazione e strutturazione imponente, invece il personale è allo sbando e finisce per avere la peggio.

    • Gentile Miriana o come si chiama, vogliamo smetterla di fare esercizio di tiro al piccione e parlare chiaro? Cosa starei coprendo? Parlare a meta’ e’ da vigliacchi. Se lei ritiene che io stia coprendo qualcosa volontariamente significa che io sono una giornalista disonesta e lei ha il dovere morale di essere chiara. Io non ho bisogno di trincerarmi dietro a nulla. Ho spiegato chiaramente il motivo per il quale non ho pubblicamente denunciato i soprusi posti in essere da un dirigente e da un caposala. Quindi se ha qualcosa da eccepire lo faccia con chiarezza senza perdere tempo in girotondi inutili. Sto quasi rimpiangendo di non essere una carogna, cosi’ come la vostra ingratitudine, meriterebbe che fossi. Grazie

  2. Buona Palma e Pace Dottoressa Nardi, grazie per i suoi articoli che mettono in luce tante cose oscurate, occultate , e che tante altre cose dovrebbero venire alla luce per essere condannate . Stiamo vivendo un tragico momento, il mondo sta vivendo, di crisi sanitaria ed economica. Ce la faremo , ogni singola persona ce la deve fare , proteggendo se stesso e gli altri. Spero che questa “peste” faccia fermare a riflettere per “fare il mea culpa” qualche affarista, sciacallo, in modo da ripulisi la propria coscienza. Troppe, tante cattiverie ha posto in essere in nome e per conto del “potere assoluto” .

  3. Tutti si chiedono come mai la signora nardi all’improvviso si è ammosciata rispetto all’ospedale di caserta. Degli infermieri contaggiati in sala operatoria i suoi amici non le hanno detto niente? Delle mascherine non a norma che hanno gli operatori non le hanno detto niente? E poi pure se sarebbero a norma questi dispositivi non credo che funzionino per tutto il turno perché si bagnano. Si informi sul numero dei dipendenti ammalati in ospedale e se quando rientrano portano il certificato di guariggione o se passano da Rossi. Sarebbe interessante sapere se qualche dipendente a contagiato qualche ricoverato.

    • Gentile Pasquale, oggi è la Domenica delle Palme e pertanto non la mando a quel paese. Credo che anche questa volta avrebbe dovuto attivare i neuroni prima di scrivere, Se lei uscisse per un attimo dal suo percorso a senso unico che, se non fa attenzione la porterà contro il palo delle sue basse insinuazioni, e avesse letto con attenzione i miei ultimi articoli, persino lei avrebbe capito che stavo evitando di infierire troppo in considerazione del superlavoro che il personale sta affrontando e per evitare che il commentatore critico di turno facesse sfoggio della frase peregrina…”in un momento come questo lei fa polemiche!”E le voglio dire un’altra cosa caro il mio critico d’arte..Le è mai venuto in mente che certe cose non si scrivono, anche perché in codesto Ospedale c’è ancora qualcuno di così lurido ed impunito, che se io oggi scrivessi determinate cose, che so e che conservo, si vendicherebbe alla “cecata” su questo o su quello?, o si è dimenticato come funziona in questo Ospedale?, o se lo vuole dimenticare perché oggi il mio senso di responsabilità le ha offerto lo spunto di essere sgradevole? Pensi ai suoi di amici e non ai miei. e si preoccupi per se e non per me e soprattutto prima di insinuare certe schifezze sulla mia onestà intellettuale si dia un morso alla lingua e conti fino a dieci. Io non ho padroni né amici quando scrivo e soprattutto me ne infischio di quelli che qualche amica “vostra” chiama “like” senza sapere neppure cosa siano e a cosa servano. Non siamo tutti uguali gentile Pasquale, ma capisco che sia difficile fare le differenze se non si hanno gli strumenti giusti. Hasta el Domingo!

      • 👏👏👏👏👏👏👏👏brava dottoressa .
        #io sto con l’ospedale! IO STO CON GLI ONESTI!

Comments are closed.