VENTOTTO ANNI FA LA STRAGE DI CAPACI: IL RICORDO DI DEL MONACO

0

STRAGE CAPACI scaled VENTOTTO ANNI FA LA STRAGE DI CAPACI: IL RICORDO DI DEL MONACO

Nel giorno del 28esimo anniversario della strage di Capaci, pubblichiamo il ricordo dell’on. Antonio Del Monaco (M5S).

“Il 23 maggio del 1992, nel tratto dell’autostrada A29, presso lo svincolo di Capaci, alle 17:58 oltre quattrocento chili di tritolo fanno esplodere una Fiat Croma: perdono la vita il magistrato Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Rocco Di Cillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro.

Lo scenario è devastante, sul manto stradale una voragine, detriti e macerie ovunque. Quel giorno non solo la Sicilia, ma l’intera Italia piangerà la morte di un uomo che, con coraggio e fermezza, dichiarò guerra alla mafia. Sono scene che nessuno di noi dimenticherà.

Falcone non voltò mai la faccia dall’altra parte, non si lasciò mai intimidire da minacce, pur consapevole dell’alto rischio che correva ogni giorno; e più le sue indagini andavano avanti, gettando alcuni mafiosi dietro le sbarre, più il ticchettio del conto alla rovescia incalzava, diventava pressante, e i nemici aumentavano, non solo tra i mafiosi. Lo sapeva, lo sentiva… osteggiato in ogni modo, ma non si è fermato: la giustizia doveva trionfare. La verità prima di tutto, sempre.

Anni fa a Palermo incontrai la sorella di Giovanni Falcone, Maria: l’emozione di quella giornata mi pervade ancora, è un ricordo speciale. Mi portò tra le cose del fratello, nel suo piccolo mondo di memorie: oggetti, carte, fotografie, trofei e medaglie sportive, diplomi…tutto parlava di lui, sembrava presente lì, in quel momento, con noi. Maria, seduta di fronte, mi raccontava e a me sembrava che fosse Giovanni a parlare, a raccontare di sé. Un uomo semplice e unico al tempo stesso, con le sue fragilità, certo; ma forte di quella motivazione che lo spingeva a fare del suo meglio, in nome di quel senso di giustizia che accompagnava il suo vivere.

In questi giorni ho voluto ricordare solo alcune tra le vittime consapevoli e inconsapevoli della criminalità organizzata; impossibile citarle tutte, ma attraverso la scelta di alcuni racconti ho voluto rendere omaggio ad ogni singolo innocente, per testimoniare il sacrificio, per non dimenticarlo mai.

Sì, dimenticare… è un rischio reale, una possibilità apparentemente più semplice: dimenticare, voltare la faccia, andare avanti con la propria vita come nulla fosse, o, peggio ancora, come fosse tutto normale. Normale.

Queste persone avevano una vita, una famiglia, delle abitudini, come ognuno di noi; amavano, piangevano, sognavano… queste persone non ci sono più, ma è nostro dovere morale portare avanti la loro battaglia, ognuno nel proprio piccolo, attraverso gesti, parole, scelte: scegliere chi essere, cosa fare.

Scegliere rende liberi.

Non è necessario essere un carabiniere, un prete, un magistrato. Tutti noi possiamo e dobbiamo dire NO al crimine, all’illegalità, alla corruzione, alla paura; tutti noi possiamo fare la differenza, uniti nel coraggio, nella volontà di cambiamento. Tutti.

Dalla Chiesa, Petru, Annalisa, Peppino, Ammaturo, Nuvoletta, don Peppe Diana, Falcone, e gli altri che non ho potuto nominare, sono angeli, ed alcuni di loro sono veri e propri angeli della giustizia. Cosa siamo noi? Cosa scegliamo di essere? Loro non hanno più possibilità di combattere, di reagire, di scegliere. Non possono più farlo, ma lo hanno fatto; ci hanno provato fino alla fine ed il loro esempio, il loro sacrificio non può essere dimenticato, bensì onorato. Sempre.

Dunque scegliamo di essere le sentinelle di questi angeli; scegliamo di essere le sentinelle della memoria, per non lasciar cadere nell’oblio tutte queste vite, tutti questi esempi di coraggio e lealtà.

Indifferenza, omertà e diffamazione uccidono ugualmente. Non cadiamo nella trappola, significherebbe essere complici di ieri, di oggi e del domani.

Scegliamo oggi chi essere e che futuro volere per noi e per i nostri figli. Scegliamo la verità.

Per non dimenticare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui