OSPEDALE, FERRANTE & I CONCORSI SU MISURA…IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO…

2

(f.n.) – Quando parliamo di “concorsi cofecchia” nella Sanità, qualcuno ha persino il coraggio di indignarsi e diffidare, chiedere spiegazioni e giocare a fare l’offeso…il  buon Mario Nicola Vittorio Ferrante, quand’era manager al Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta con l’avallo insensato di santa Tetta la Vispa Firmataria e l’automatico assenso del fedele Gubitosa, si è dato parecchio da fare tra ex articoli 18 e concorsi su misura, incidendo pesantemente ed ignominiosamente sui destini altrui, ungendo ingranaggi e manovrando senza “scuorno” alcuno, le occasioni utili a fregare o a favorire i predestinati nel bene e nel male…Peccato che nel corso del suo mandato a  Caserta e, a fronte delle manovrine concorsuali dell’allegra brigata, a nessuno sia venuto in mente di tentare almeno, di ostacolare, anche a danno avvenuto,  il corso degli eventi “impastrocchiati” ad arte. I Sanniti invece sono tosti, vivaddio e l’inguacchio concorsuale, al buon Ferrante, direttore generale del San Pio di Benevento, questa volta è andato per traverso e rischia di restargli sullo stomaco…Infatti apprendiamo da un articolo a firma di Francesco Carluccio pubblicato su Anteprima 24, che il dottor Giorgio Nardone, a proposito di un “avviso- cofecchia” ha inviato una lettera d’accusa durissima nei confronti dell’AO San Pio. Il dottor Nardone è il padre di un giovane medico, candidato all’avviso pubblico di Otorinolaringoiatria che sarebbe stato, brutalmente e volgarmente diremmo noi, “fatto fuori” da un concorso che aveva tutte le carte in regola per vincere, ovviamente per favorire un altro candidato. Di seguito potrete leggere la lettera che la direzione di Anteprima 24, ci ha autorizzato a riportare. La solita storia indecorosa, squallida, pietosa…la solita storia di basso profilo, che non prevede neppure l’esigenza di salvare la faccia, elaborando un minimo di strategia degna di questo nome…la solita storia priva di qualsiasi forma di dignitoso e dovuto rispetto, per chi viene messo nell’angolo da un sistema volgarmente clientelare che, ci auguriamo sia giunto al capolinea. Hasta la vista!   anteprima 24 391x1024 OSPEDALE, FERRANTE & I CONCORSI SU MISURA…IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO…

2 Commenti

  1. Una piccola nota: il concorso è stato vinto da Nardone ma non è stato nominato perché non aveva abbastanza influenze politiche ‘regionali’.

  2. Sarebbe da augurargli una buona visita otorino. A caserta o a Benevento….come preferisce visto le scelte scellerate e clientelari che ha fatto.

Comments are closed.