OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICO

0

malke OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICO   

–    di Ursula Franco  *      – 

Tatiana Tulissi, 36 anni, è stata uccisa l’11 novembre 2008 all’esterno di una villa di Manzano (Udine) nella quale abitava con il compagno Paolo Calligaris. L’arma del delitto, una pistola a tamburo special Astra calibro 38 che non è mai stata trovata.

tatiana tulissi OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICO
Tatiana Tulissi

Calligaris è stato rinviato a giudizio, ha scelto il rito abbreviato e, il 31 dicembre 2019, 11 anni dopo il delitto, è stato condannato a 16 anni di carcere. E’ in corso il processo d’Appello.

Dall’11 novembre 2020, Paolo Calligaris è ricoverato in coma all’ospedale triestino di Cattinara. E’ rimasto infatti vittima di un incidente domestico, secondo fonti giornalistiche, è stato colpito alla testa dal tronco di un albero di acacia che stava tagliando. Il caso ha voluto che il Calligaris si ferisse in modo grave proprio l’11 novembre. La Tulissi è stata uccisa l’11 novembre 2008.
tulissi OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICOTatiana, prima di essere attinta da 3 colpi d’arma da fuoco, è stata percossa, una dinamica compatibile con un omicidio di prossimità, infatti, se l’omicidio della Tulissi fosse stato un omicidio premeditato perpetrato da un sicario, questo soggetto si sarebbe limitato a spararle. A favore del Calligaris, però, ci sono uno stub negativo per polvere da sparo (un’unica particella fu rilevata sulle sue mani) e tempi strettissimi. Secondo l’accusa, infatti, Calligaris potrebbe essere arrivato in villa alle 18.29.39 e la prima telefonata al 118 è delle 18.32.57.
La telefonata di soccorso:
Grazie alla casistica in tema di telefonate di soccorso sappiamo cosa aspettarci da chi chiama, per questo motivo il materiale d’analisi vero e proprio è ciò che risulta “inaspettato”.
omicidio tulissi OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICO
Paolo Calligaris

Expected: ci aspettiamo che chi chiama sia alterato, insistente e che soprattutto chieda aiuto per la vittima. Ci aspettiamo anche che imprechi e dica parolacce, che non attenda la fine della domanda dell’operatore per esplicitare una richiesta d’aiuto.

Unexpected: non ci aspettiamo che chi chiama si perda in superflui convenevoli o che chieda aiuto per sé o che senta il bisogno di collocarsi dalla parte dei “buoni” ovvero di coloro che vogliono il bene per la vittima.
Operatore 118: 118, buonasera.
Paolo CalligarisBuonasera, sono Paolo Calligaris da Manzano, via Orsaria, numero 13, barra B, ho una persona qui che non mi dà segni di vita.
Operatore 118: Via Calligaris, numero?
Paolo Calligaris: No, Calligaris Paolo, via Orsaria, numero 13, barra B.
Operatore 118: Via Orsaria. Quanti anni ha questa persona?
Paolo Calligaris: 34.
Operatore 118: Adesso, se la scuote?
Paolo Calligaris: Sto cercando di farle un massaggio cardiaco però non fun… non mi reagisce.
Operatore 118: Respira secondo lei?
Paolo Calligaris: No.
Operatore 118: Non respira?
Paolo Calligaris: Purtroppo credo che abbia avuto… un problema che è caduta perché ha una f… ha la fronte… per favore fate…
Operatore 118: D’accordo, il numero di telefono e arriviamo.
Paolo Calligaris esordisce con un “Buonasera”. I convenevoli sono inaspettati in una chiamata d’emergenza. Il termine “Buonasera” ci rivela che il Calligaris ha un motivo per desiderare di ingraziarsi l’operatore.
Paolo Calligaris prende le distanze dalla vittima, la definisce “una persona” non “la mia fidanzata”.
Anche Alberto Stasi nella telefonata al 118 aveva definito la fidanzata Chiara Poggi “una persona”. 
Operatore 118: Ma cosa succede?
Alberto Stasi: Eh, credo abbiano ucciso una persona, non sono sicuro, forse è viva.
Il linguaggio rappresenta la percezione verbalizzata della realtà, sia Alberto Stasi che Paolo Calligaris ci hanno rivelato lo stato del loro rapporto con le rispettive fidanzate attraverso l’uso del termine gender neutral “persona”.
Dire “Sto cercando di farle un massaggio cardiaco” è diverso dal dire “Le sto facendo un massaggio cardiaco”.
Nelle risposte del Calligaris sono presenti alcune autocensure e, nelle frasi “ho una persona qui che non mi dà segni di vita” e “non mi reagisce”, il superfluo “mi” ci fornisce indicazioni sulla sua personalità.
Il Calligaris con “per favore fate…” voleva dire “per favore fate presto”. Una frase inaspettata, in specie perché il Calligaris non ha mai formulato una richiesta d’aiuto per la vittima e che quindi ci rivela un bisogno del Calligaris, quello di collocarsi dalla parte di coloro che vogliono il bene per la vittima.

*******************

ursula franco 1 OMICIDIO DI TATIANA TULISSI: TELEFONATA AL 118 DEL COMPAGNO PAOLO CALLIGARIS CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E RICOVERATO ORA IN RIANIMAZIONE A CAUSA DI UN INCIDENTE DOMESTICO* Medico chirurgo e criminologo, allieva di Peter Hyatt, uno dei massimi esperti mondiali di Statement Analysis (tecnica di analisi di interviste ed interrogatori), si occupa soprattutto di morti accidentali e suicidi scambiati per omicidi e di errori giudiziari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui