LIVELLI DEI CORSI D’ACQUA ELEVATI A CAUSA DELLE PRECIPITAZIONI, GARIGLIANO, VOLTURNO E SELE IN REGIME DI PIENA

0

Nella giornata del 7 dicembre 2020 i principali fiumi della Campania registrano valori dei livelli idrometrici superiori a quelli della settimana scorsa in 25 casi sulle 28 stazioni di riferimento, con una decisa inversione di tendenza rispetto alla scorsa settimana. Gli idrometri segnalano una risalita dei livelli, legata a fenomeni di piena che hanno avuto il loro culmine tra la serata del 6 e la mattinata del 7 dicembre, quando Garigliano, Volturno e Sele hanno fatto registrare livelli decisamente alti, anche se strettamente legati allo smaltimento delle piene. Gli invasi sono in crescita, e con un deficit di volumi sul 2019 nuovamente in calo.

E’ quanto emerge dall’indagine settimanale dell’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue della Campania (Anbi Campania) che compila il suo bollettino interno, contenente i livelli idrometrici raggiunti dai principali corsi d’acqua (Fonte: Regione Campania, Centro Funzionale Protezione Civile) nei punti specificati ed i volumi idrici presenti nei principali invasi gestiti dai Consorzi di bonifica della regione e – per il solo lago di Conza della Campania – dall’Ente per l’irrigazione della Puglia Lucania e Irpinia.

Il Sele cresce decisamente sui livelli della scorsa settimana in tutte le stazioni, toccando ieri alle ore 12 i 4,17 metri sopra lo zero idrometrico ad Albanella, forte anche dei consistenti apporti da parte dei principali affluenti.

Il Volturno vede un balzo dei livelli idrometrici rispetto a quelli raggiungi la scorsa settimana, e alle ore 12 di ieri raggiungeva il colmo di piena a Capua con ben 5,25 metri sullo zero idrometrico, quota raggiunta velocemente a causa anche della necessità da parte del Consorzio generale di bonifica di aprire le paratoie della diga.

Infine, il fiume Garigliano presenta livelli idrometrici molto superiori a quelli della settimana precedente. Colmo piena a Sessa Aurunca raggiunto di prima mattina, ma con un livello idrometrico alle ore 12 ancora di 8,92 metri.

Per quanto riguarda gli invasi, la diga di Piano della Rocca su fiume Alento è attestata ad oltre 10,2 milioni di metri cubi e contiene circa il 41% della sua capacità, in crescita sulla settimana precedente. L’invaso di Conza della Campania sull’Ofanto in decisa crescita sulla settimana scorsa e di ben oltre 6,8 milioni di metri cubi. E il deficit rispetto ad un anno fa torna a diminuire, portandosi a poco meno di 1,9 milioni di metri cubi, rispetto ai ben 8,6 milioni di metri cubi di 7 giorni fa.

 Livelli idrometrici in centimetri sopra (+) o sotto (-) lo zero idrometrico alle ore 12:00 del 7 Dicembre 2020. In parentesi è segnata la tendenza (+ o -) settimanale in centimetri rispetto alla misurazione precedente

Bacino del fiume Alento
Fiumi Idrometri Livelli e tendenza settimanale
Alento Omignano +71 (+6)
Alento Casalvelino +84 (-8)
Bacino del fiume Sele
Fiumi Idrometri Livelli e tendenza settimanale
Sele Salvitelle + 44 (+24)
Bacino del fiume Sele
Fiumi Idrometri Livelli e tendenza settimanale
Sele Contursi (confluenza Tanagro) +175 (+22)
Sele Serre Persano (a monte della diga) +234 (+149)
Sele Abanella (a valle della diga di Serre) +417 (Non Disponibile)
Sele Capaccio (foce) +137 (+67)
Calore Lucano Albanella +300 (+392)
Tanagro Sala Consilina +158 (+74)
Tanagro Sicignano degli Alburni +267 (+201)
Bacino del fiume Sarno
Fiumi Idrometri Livelli e tendenza settimanale
Sarno Nocera Superiore -15 (-11)
Sarno Nocera Inferiore +44 (+16)
Sarno San Marzano sul Sarno +79 (+34)
Sarno Castellammare di Stabia +87 (+41)
Bacino del Liri – Garigliano Volturno
Fiumi Idrometri Livelli e tendenza settimanale
Volturno Monteroduni (a monte Traversa di Colle Torcino) +55 (+37)
Volturno Pietravairano (a valle della Traversa di Ailano) +141 (+87)
Volturno Amorosi (ponte a monte del Calore irpino) +131 (+114)
Volturno Limatola (a valle della foce del Calore irpino) +55 (-51)
Volturno Capua (Ponte Annibale a valle della Traversa) +485 (+638)
Volturno Capua (Centro cittadino) +525 (+570)
Volturno Castel Volturno (Foce) +194 (+42)
Ufita Melito Irpino +12 (+33)
Sabato Atripalda   +15 (+17)
Calore Irpino Benevento (Ponte Valentino) +150(+54)
Calore Irpino Solopaca +12 (+120)
Regi Lagni Villa di Briano +64 (+38)
Garigliano Cassino (a monte traversa di Suio) +88 (+40)
Garigliano Sessa Aurunca (a valle traversa Suio) +892 (+821)
Peccia Rocca d’Evandro +59 (+29)

                 Invasi: consistenza in metri cubi dell’acqua presente alle ore 12:00 del 7 Dicembre 2020

Ente Invaso Fiume Volume Invasato

(in milioni di metri cubi)

Note
Consorzio Volturno Suio Garigliano Non Pervenuto
Consorzio Volturno Capua Volturno 0,0 Paratoie della traversa aperte per far defluire l’onda di piena
Consorzio Sanno Alifano Ailano Volturno 0,0 Paratoie aperte fino al 30 aprile 2021
Consorzi Destra Sele e Paestum       Serre Persano Sele 1,0 Valore costante
Consorzio Velia Piano della Rocca Alento 10,2 (Approssimazione da 10.247.312 metri cubi) Differenza positiva di 2.815.093 metri cubi sulla settimana precedente
Eipli Conza della Campania Ofanto 25,2 (Approssimazione da 25.250.136 metri cubi) Differenza positiva di 6.833.711 metri cubi sulla settimana precedente.

Avvertenza Dove il valore indicato è zero, significa che al momento della misurazione le paratoie della diga risultavano aperte e l’acqua invasata era assente o in fase di deflusso.

 Compendio per comprendere meglio il significato dei valori dei bacini

 La Traversa di Ponte Annibale a Capua – Consorzio Volturno – presenta attualmente (7 dicembre 2020) le paratoie aperte per consentire il deflusso. I livelli ed i volumi torneranno quelli normali una volta cessata l’allerta meteo e richiuse le paratoie.

 La Traversa di Ailano sul Volturno (Consorzio Sannio Alifano) – è attualmente aperta per fine stagione irrigua: non avendo altri usi l’acqua invasata, le paratoie si richiuderanno il 1° maggio, per consentire l’avvio della stagione 2021.

 La Traversa di Serre Persano sul fiume Sele (Consorzi in Destra Sele e Paestum) – è sempre chiusa per consentire la stagione irrigua tutto l’anno. Le paratoie – opera di alta ingegneria – sono predisposte per aprirsi automaticamente solo in caso di piena rilevante, liberando solo l’acqua eccedente il massimo volume contenibile nell’invaso, consentendo così il mantenimento del volume invasato sempre ad un milione di metri cubi.