ASL, VACCINAZIONE PERSONALE SCOLASTICO, INDICAZIONI SBAGLIATE SUI MODULI E SCIATTERIA GESTIONALE

0

LA BANDA DEGLI ONESTI scaled ASL, VACCINAZIONE PERSONALE SCOLASTICO, INDICAZIONI SBAGLIATE SUI MODULI E SCIATTERIA GESTIONALE(f.n.) – Questa efficientissima Asl di Caserta, sempre così attenta soprattutto nel controllo accurato delle fughe di notizie, questa solerte Asl, il cui contro spionaggio arrangiaticcio, riciclato e male organizzato, meglio farebbe a dedicarsi a ciò per cui è pagato, onde evitare di fornire all’utenza informazioni ridicole e fuorvianti, continua ad offrire prova di sé. Di cosa parliamo?, del modulo che l’Asl ha predisposto per il personale scolastico, che dovrà sottoporsi allo screening volontario, per la rilevazione del virus Covid 19, of course. Poiché a piè di pagina del modulo succitato, questa Asl così accorta ha riportato un avviso, è il caso di leggerlo tutti insieme… questo avviso, o no?

Avviso.  Come stabilito nell’ordinanza n.1 del 05.01.2021 della Regione Campania, la didattica in presenza riprenderà il giorno 11.10.2021 solo per le prime e le seconde classi della scuola primaria e per la scuola dell’infanzia. Pertanto i soggetti candidabili allo screening per la rilevazione del virus SARS-CoV-2 sono il personale docente e non docente, gli alunni e i familiari conviventi, delle scuole di cui sopra. Tutti i soggetti non candidabili, non saranno invitati a partecipare a questa prima fase di screening, gli stessi solo successivamente e compatibilmente con la ripresa graduale delle attività scolastiche verranno ricontattati a mano a mano che diventeranno candidabili allo screening.

Quindi, se fino al 10 ottobre p.v., tra ben nove mesi, le scuole di ogni ordine e grado, resteranno chiuse, come si legge nel modulo e come secondo l’Asl di Caserta che ha approntato il modulo, dovrebbe essere riportato nell’ordinanza della Regione, citata dalla stessa Asl, ci si chiede cui prodest? l’ambaradan quotidiano su quello che da oggi diventerà, a tutti gli effetti il “mistero-scuola’? Valeva la pena lambiccarsi il cervello, organizzare convegni sul web, confronti, dibattiti e via col tango, quando con un colpo di spugna il De Luca prima e l’Asl che lo cita in proposito, avevano ripristinato con la teoria dell’assurdo, gli equilibri scomposti? Qualcuno dovrebbe imprimere una regolata i suoi bulloni, che girano troppo in fretta e su troppi ingranaggi. O no?, Peccato che l’ordinanza 1 del 5 gennaio di De Luca, citata dall’Asl di Caserta dica ben altro, rispetto alle date di apertura delle scuole. Ma vi rendete conto di quello che scrivete?, ma volete darvi una regolata?, voi, la vostra arroganza, le vostre cofecchie continuate, i vostri patetici tentativi di far passare sotto silenzio uomini e cose, fatti e  misfatti? Visto che l’ufficio stampa dei vostri sogni proibiti non potrete allestirlo, perché i favoriti non sono in possesso dei titoli giusti, potreste sempre, con riserva ovviamente, addestrare un ri-lettore di bozze, o no?

Il signore degli anelli e dell’Asl sta perdendo colpi, oltre al controllo delle carte…quando si accentra il potere, si deve addestrare il personale a restare sveglio…Schiere di favoriti e fedelissimi, non sono sufficienti se manca l’addestramento e l’intuito…Forse il plenipotenziario Tari, dovrebbe mollare qualche incarico e se dovesse avanzargli tempo spicciolo, ci sono sempre le corsie degli ospedali dove potrebbe offrire un senso alla sua laurea in medicina e alla sua specializzazione che non riguarda il controllo totale ed assoluto di un’azienda sanitaria.   Questa Asl il cui vero patron, l’uomo del potere assoluto, gestisce anche la modulazione dei sospiri, ma non firma uno straccio di carta, controlla le forniture di magazzino dai dpi alla carta igienica, ma non firma uno straccio di ordine;  sposta, ordina, favorisce, punisce,  cancella, mortifica, assume, licenzia, decide, ma non firma uno straccio di determina…questa Asl dicevamo, ormai ha ben poco da raccontare, che non sia oggetto di biasimo; ombra appena percettibile dietro una cortina virtuale, che la stratificazione del silenzio ultra decennale, complice o semplicemente di comodo, ha reso impermeabile ad ogni intemperia politica e cambio della guardia, quest’uomo comanda su tutto e tutti,  sulla scorta esigua di un unico incarico ufficiale, quello di Direttore della Uoc Controllo di gestione che de iure significa una certa cosa ma, de facto, almeno per quanto riguarda l’Asl di Caserta, significa il controllo assoluto su tutto e tutti…Allo stato riteniamo quindi, si possa fare a meno di sprecare il denaro per pagare tre stipendi alla direzione generale strategica se non ha voce in capitolo, ah già!…avevamo dimenticato che non conta ma firma!…Hasta la vista!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui