SESSA AURUNCA: ASSEGNATE TRE AREE VERDI AD ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

0

“SIAMO TUTTI UNO” ED “ETNIA POPOLARE” SEMPRE PIU’ ATTIVE NELLA GESTIONE DELLA SOCIALITA’ TERRITORIALE AURUNCA!

   –   di Giulia Bosco   –                                                               

Rosita Nervino e1626701705762 SESSA AURUNCA: ASSEGNATE TRE AREE VERDI AD ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO
Rosita Nervino

La gestione commissariale del comune di Sessa Aurunca, ha adottato la delibera n° 71 del 15 luglio con la quale assegna tre aree verdi a due associazioni di volontariato no profit.

In dettaglio cosa significa.

Con questo atto, alle associazioni: “Siamo tutti uno” della dott.sa Rosita Nervino e “Etnia Popolare” il cui referente è il vulcanico Carmine Paolucci, sono state assegnate le gestioni di tre spazi pubblici per le quali, le due associazioni in maniera congiunta, Carmine Paolucci SESSA AURUNCA: ASSEGNATE TRE AREE VERDI AD ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATOdovranno curare la manutenzione ordinaria ed il decoro, sulle quali potranno promuovere attività di intrattenimento a loro cura e gestione senza oneri aggiuntivi per l’Ente comunale.

Un bel risultato senza ombra di dubbio per le due associazioni, che con questo atto di affidamento confermano la loro serietà e competenza nella gestione della cosa pubblica.

Siamo tutti Uno”, della dott.sa Nervino, è un’associazione che da anni si occupa di assistenzaSIAMO TUTTI UNO 300x300 SESSA AURUNCA: ASSEGNATE TRE AREE VERDI AD ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO alle persone affette principalmente da problemi oncologici, ma è stata molto attiva negli ultimi mesi, anche nel campo del volontariato per l’emergenza Covid aiutando le famiglie in difficoltà per quanto riguarda la gestione delle quarantene domiciliari e organizzando spesso dei drive-in per degli screening di massa alla ricerca di soggetti positivi al virus.

Etnia Popolare”, il cui presidente è Carmine Paolucci, oltre ad essere festa popolare tammorra 300x152 SESSA AURUNCA: ASSEGNATE TRE AREE VERDI AD ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATOstata presente in tantissime occasioni di bisogni della cittadinanza come nel caso della pandemia, organizza un importante kermesse musicale che ha portato a Sessa Aurunca migliaia di persone come mai nessuno è stato capace di fare, dal titolo “Festa Popolare della Tammora”; manifestazione insignita anche di importanti riconoscimenti nazionali (Leggi quì ); ma Paolucci è anche tra i protagonisti del miracolo della “Maddalena e Valle dei Mulini“, un’area verde enorme alle porte della città di Sessa, recentemente restituita al decoro e a disposizione di tutti i cittadini amanti della natura e delle passeggiate all’aria aperta.

Grande soddisfazione, quindi, per le due associazioni sessane, da sempre impegnate nel sociale, per essersi viste riconoscere l’affidamento di questi spazi comunali, che in particolar modo sono: la piazza Luigi Toro di Sessa centro, la piazza San Pio della frazione Piedimonte e la Piazza Nassirya della frazione di Lauro.

Soddisfazione che traspare dalle parole di Rosita Nervino che scrive: “Concretezza, condivisione e amore per il nostro territorio…Ingredienti fondamentali per realizzare progetti importanti…Noi dell”Associazione “Etnia Popolare” assieme all’ Associazione ” Siamo Tutti Uno” abbiamo deciso di intraprendere questa nuova avventura spinti da un forte senso civico e per sottolineare come le aree pubbliche siano un patrimonio di tutti…e quindi bisogna tutelarle e prendersene cura.

Un’impresa ardua e sicuramente impegnativa…ma insieme, spinti solo dalla voglia di vivere serenamente e adeguatamente i nostri beni, come sempre ci riusciremo…Noi siamo prontiiiiii

Viva il volontariato…senza “se” e senza “ma”!

Parole alle quali si associa Carmine Paolucci, che assieme alla collega Nervino, sottolineano come sia importante il volontariato in quella terra aurunca – aggiungiamo noi – completamente abbandonata dalle istituzioni locali negli ultimi dieci anni, siano esse politiche che di gestione commissariale come nell’ultimo anno.

Questo giornale ha più volte sottolineato lo stato di abbandono dell’intero territorio aurunco, per la massiccia presenza di mini-discariche ma anche e soprattutto per lo stato di incuria delle piazze, dei parcheggi e delle strade comunali…nonostante ogni anno vengano impegnate somme importantissime per le manutenzioni che vengono regolarmente liquidate senza che ci siano i necessari controlli da parte dell’amministrazione pagatrice.

Speriamo che, almeno per queste prime tre aree comunali, assieme alla Valle dei Mulini della Maddalena, si inneschi un meccanismo virtuoso che spinga la cittadinanza di Sessa e delle frazioni a rimboccarsi le maniche per salvaguardare il proprio patrimonio pubblico e naturalistico lì dove la politica è totalmente inefficace.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui