ASL, CAMPAGNA ELETTORALE & SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE

1

(f.n.) – Disquisire sulla morale o sull’etica dei comportamenti e delle scelte, di chi gestisce la res publica in materia di sanità, è diventata una pratica inutile e per il vuoto abissale che genera, come riscontro nelle alte sfere, talvolta, addirittura ridicola. Ciò non toglie che la decomposizione del pensiero, quando genera schifezze in esubero, sul tipo “favoritismi & clientele” contrabbandati, più o meno abilmente, per legittimi incarichi, è maleodorante e quindi risulta, praticamente, impossibile, non avvertirla. Pertanto, noi continuiamo a riflettere, rilevare e scrivere e poi… si vedrà…del resto la storia più o meno recente, insegna che il passo lento della giustizia, laddove volessimo dimenticare la nemesi, porta comunque la verità delle cose e dei fatti, a destinazione. Ebbene… siamo ancora una volta in campagna elettorale ed ancora una volta dalle parti della sanità de noautri, qualcuno tenta di fare il furbo, certo dell’impunità…fiducioso che, attraverso gli anni, l’abilità nell’aggirare norme ed ostacoli, si sia vieppiù raffinata…Talvolta si ha addirittura l’impressione che si tengano all’uopo, dei veri e propri “master della cofecchia”, resta da scoprire se si tengano in presenza o in webinar…E mentre i piccoli artigiani dell’educazione civica, combattono disperatamente, contro il manifesto selvaggio, il comune vieta i comizi nel centro storico per ragioni di sicurezza e l’ultima eroica, ma sparuta falange, apre la caccia al voto di scambio, nel feudo Asl, si gestisce la campagna elettorale, secondo l’antica regola casereccia che regola il consenso… Ciascuno gestisce come può e secondo i mezzi che possiede…ed allora, cosa c’è di meglio per confondere il fiuto dei segugi maligni ed impiccioni, di un bell’atto amministrativo, apparentemente inattaccabile ed inossidabile, soprattutto se si evita di dedicargli una certa attenzione, corredata di attenta riflessione e dovuta comparazione? Purtroppo il “menefrego” è il dogma cui pare riferirsi ogni azione dei manovratori… Non a caso, come ricorderete, si stracciano virtualmente sentenze del Tar e nessuno emette un fiato, si stropicciano virtualmente sentenze del Giudice del Lavoro e nessuno alza il dito, o no? A sostegno di quanto affermiamo, basterebbe, in breve, e tanto per cominciare, l’assunzione annunciata di dieci veterinari, per aggirare il fastidio in corso e le lungaggini dei ricorsi, o no? Ovviamente ci riferiamo alla coda di quel concorso scandalo, per l’assunzione di 54 veterinari e di tutto ciò che, altrettanto scandalosamente, è avvenuto dal 2017 in poi e che ha avuto una prima conclusione recentemente, con la sentenza del Tar, favorevole ad alcuni ricorrenti. Ma Madama Asl e relativi padrini politici, appara… o almeno cerca di apparare e rimette tutto in gioco, compreso le coscienze e la dignità…e andiamo avanti perché siamo sempre in campagna elettorale, ricordate? Questa brava Asl del “menefrego” de facto, che proroga l’incarico a decine di Direttori di Distretto in barba ad una sentenza immediatamente esecutiva!, e non finisce qui!, perché, a distanza di dieci giorni dall’assunzione di quattro Dirigenti  Medici di Ortopedia  (nella delibera 1274 del 3 agosto u.s. vengono nominati in qualità di vincitori di un concorso per 4 assunzioni a tempo indeterminato), con delibera 1320 del 13 agosto u.s. si procedeva allo scorrimento di graduatoria dello stesso concorso per Dirigenti Medici di Ortopedia, assumendo tutte le ulteriori unità in graduatoria per “salvaguardare i livelli di assistenza”…Incantevole manovrina elettorale, legittimata dal detto: prevenire è meglio che curare, o no? E sempre in piena campagna elettorale, si procede ad un altro scorrimento di graduatoria per l’assunzione di ulteriori 10 unità (sic!) di Dirigenti Medici in Psichiatria!!! La graduatoria ovviamente, si era formata a seguito di un Concorso pubblico, (delibera 1118 del 13 luglio u.s.,) bandito per l’assunzione di 4 Dirigenti! Quindi, sempre in piena campagna elettorale, con delibera 1436 del 17 settembre u.s., a soli trenta giorni dall’assunzione dei suddetti 4, se ne assumono altri 10 con la politica dello scorrimento! E qualcuno adesso penserà che sia finita qui, perché, anche in questa tornata, ne abbiamo abbastanza, o no?, macché! Siamo ancora in campagna elettorale e le richieste degli amici degli amici, si sa…sono pressanti…quindi si procede ad un altro scorrimento di graduatoria…ed atterriamo quindi in campo amministrativo…carucci! Con delibera 911 del 4 giugno u.s. la direzione aveva proceduto all’assunzione dei tre vincitori del concorso bandito per l’assunzione a tempo indeterminato di tre dirigenti amministrativi…Il concorso ha dato origine ad una graduatoria che, a distanza di due mesi, offre la possibilità alla brava e munifica direzione Asl di pescarvi altre 14 unità, (delibera 1444 del 21 settembre u.s.), in considerazione della “grave carenza di profilo professionale in oggetto”. E a colpi di prevenzione, necessaria ed opportuna, ma soprattutto vantaggiosa e di necessità impellenti e di gravi carenze dei vari profili professionali in oggetto e di altre quisquilie e pinzillacchere, scorre e trascorre un’altra campagna elettorale…mentre i soliti noti dormiranno, si presume ma non è certo, sonni tranquilli al pensiero di averla fatta franca, anche stavolta. Ma…una domandina piccola piccola, spontanea ed assai innocente, dovreste consentircela, o no? Vista “la grave carenza del profilo professionale in oggetto”, con riferimento specifico ai dirigenti amministrativi, per la quale grave carenza, si è reso necessario il corposo scorrimento di graduatoria di cui sopra, come mai la Direzione Asl, sempre così prodiga nel fornirci argomenti intriganti sui quali riflettere, autorizza il comando del dottor Luigi Galdi d’Aragona, dirigente amministrativo dell’Asl di Caserta, nell’Ufficio di Gabinetto del presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca?…Ahiahiahi Dg Russo, lei ci va a cadere proprio sul comando…Si fanno concorsi per un certo numero di unità, a distanza di dieci giorni ci si accorge che ne servivano altre e si assaltano le graduatorie e si incamera fino all’ultima unità…e lei cosa fa?, come se sostituisse con nonchalance il gemello d’oro al polsino destro con il diamante che porta al sinistro, asseconda i desiderata di chi non si sa e si priva di un dirigente amministrativo in piena, come da lei dichiarato o perlomeno sottoscritto, “grave carenza di profilo professionale in oggetto”? Bah!, a noi sembra il gioco delle tre carte e a voi? Hasta la suerte!

1 commento

  1. Chi sa vendersi meglio e come. Ormai tutto ha un costo dai soldi al voto , dalla Fixx al Caxx o ambedue.
    Poveri figli nostri.
    p.s.
    ci sono passata, l’Asl di caserta è una associazione a delinquere.

Comments are closed.