Categories: Caserta

OSPEDALE, CONCORSO FASULLO… E ADESSO GODETEVI LE PROVE!

(f.n.) – Abbiamo tentato inutilmente di indurre la Direzione Generale dell’Aorn ad annullare il concorso per l’assunzione a tempo indeterminato, di 29 assistenti amministrativi cat.C, puntando da un lato, sul senso di dignità e decoro di chi non può esimersi dal peso delle responsabilità, dall’altro sul giusto risentimento di chi non avrebbe avuto alcuna possibilità di ottenere un posto utile in graduatoria, perché non aveva l’idonea raccomandazione per vincere o soltanto per sperare di rientrare nei meccanismi giusti di un concorso, bandito esclusivamente per sistemare un gruppo di interinali, muniti di sponsor. Il concorso nasce infatti, dalla “decomposizione organizzata” di un sistema, che consente alla disonestà intellettuale dei vari delegati politici, di governare gli eventi ed il destino degli uomini, valorizzandone de facto e su ordinazione, le scarse o inesistenti qualità o rinnegandone, sempre de facto e su ordinazione, i meriti. Da anni ed anni la gestione “tribale” delle Aziende sanitarie, ha prodotto danni incalcolabili in termini economici e qualitativi. La pratica dell’occultamento delle vicende scottanti e degli eventuali colpevoli, laddove si tratti di intoccabili; la mistificazione dei dati e della verità quando si tratta di infezioni; la sciatteria cronicizzata che produce risultati approssimativi e perniciosi; l’assenza di controllo laddove il controllo, non si renda necessario per colpire qualcuno, ormai risultato scomodo; le tresche di diverso genere e colore che, più di altre precondizioni, favoriscono le scalate verticistiche verso il “farenienteautorizzato” e la “carognaggineorganizzata”…e molto molto molto altro…il tutto, ahinoi….simile a se stesso…monnezza indifferenziata… comunque destinata alla discarica. Il concorso di cui sopra è soltanto una piccola cosa…uno dei tanti esempi immondi dello stesso tipo, utile a dimostrare uno dei metodi infallibili, per far colare a picco l’immagine di un’Azienda e di chi vi lavora. Ciò nonostante e nella consapevolezza che, non essendo l’attuale Direzione Generale né altre dello stesso tipo, abituata ad essere sbugiardata, con continuità quasi ossessiva ma inamovibile ed inossidabile, come noi abbiamo continuato a fare, la stessa Direzione avrebbe giocato a far finta di niente e proseguendo imperterrita sull’onda del “managerpensiero”: “s’adda sfastidià!”, avrebbe portato a termine il compito che le era stato assegnato in merito ai raccomandati, paludando il tutto in un’apparenza di viscida ed assai scivolosa legittimità. Ma il gioco si è fatto duro ed a nostro modesto parere, è ormai andato oltre il consentito…Quando, con largo anticipo rispetto alla conclusione del concorso, abbiamo pubblicato i nomi dei sicuri vincitori, la Direzione dell’Aorn ha mostrato di infischiarsene…  eppure, a parer nostro, avrebbe dovuto perdere qualche minuto a riflettere, visto che i nomi erano “quelli giusti”, tranne qualcuno che, nel tempo aveva perduto la protezione, come pare avesse a dire, in una certa occasione, lo stesso DG impegnato a scorrere e a spuntare l’elenco dei favoriti…Invece si è consentito che qualcuno dei futuri vincitori, addirittura minacciasse querele ed altri commentassero volgarmente, prendendo in giro chi non aveva alcuna possibilità di farcela. Insomma…una vera e propria schifezza, come si dice nei salotti inglesi tra vecchi allievi di Oxford. Abbiamo continuato a provocare nella speranza che il Dg salvasse soprattutto la sua immagine e annullasse il concorso…Ma…se non l’ha annullato, evidentemente non avrà avuto il permesso di farlo. I vari politici non glielo hanno consentito…e attraverso i loro contatti, alcuni dei quali davvero in posizioni apicali e di controllo nell’Aorn, avranno trasmesso il loro dictat…E allora abbiamo cercato di raggiungere il punto del non ritorno…e sembra proprio che ce l’abbiamo fatta dal momento che abbiamo potuto visionare le prove dell’inquinamento del concorso…Infatti una persona che si è dichiarata disponibile a testimoniare la veridicità di quanto abbiamo scritto, ci ha fornito la prova provata che in data 30 novembre 2021, una persona, esattamente uno dei concorrenti, l’ aveva portato a  conoscenza attraverso whatsapp, degli argomenti delle tre tracce delle prove scritte che si sarebbero svolte in data 2 dicembre 2021, quindi tre giorni dopo. Abbiamo allora lanciato un altro sasso nello stagno, sempre a tutela dell’immagine del Dg il quale se n’è infischiato alla grande e per offrire una prova di forza, non si sa bene a chi, due ore dopo la pubblicazione dell’articolo, ha fatto pubblicare la delibera con la graduatoria finale del concorso…Operazione leggermente squallida, con tutto il rispetto…una  prova di forza davvero inutile! Il Dg dovrebbe sapere che c’è un tempo per parlare ed un tempo per agire e poi c’è un tempo riservato alle persone intelligenti, che è quello di ammettere che la partita è persa. Invece no! La direzione ha continuato a bluffare…Abbiamo informato di tutto il RPCT, Responsabile della Prevenzione della Corruzione e Trasparenza, il quale prima ha mostrato indifferenza e rigidità, poi ha dichiarato che il tutto non era di sua competenza…Allora, meditando se fosse o meno il caso di riferire la notitia criminis, di cui eravamo in possesso, alla rosticceria dell’angolo, che probabilmente aveva ricevuto l’incarico di provvedere alla bisogna,  abbiamo ricordato che, tra gli atti che sono stati portati all’augusta attenzione del RPCT e da quest’ultimo approvati, visto che come da lui dichiarato era tutto in ordine, figurava quella graziosa anomalia, ricordate?, la Direttrice Amministrativa che dà parere favorevole alla nomina di se stessa, come presidente della Giuria esaminatrice del concorso di cui sopra… Ma il RPCT ha detto che andava tutto bene e il RPCT è un uomo d’onore…In questa commissione si respirava inoltre un certo odor di vanagloria assieme a zaffate di titoli inesistenti…Decisamente in quell’occasione, non vi siete fatti mancare niente, compreso, appunto, quel buon condensato di fumigar d’incenso che spargendosi nell’aere, conferiva per l’occasione la laurea ad honoris causa ad un giurato che ne era privo…Ma il RPCT dice che è tutto a posto e il RPCT è un uomo d’onore…Intanto per chiudere la partita prima di recarci alla stazione dei carabinieri a depositare il racconto dettagliato di questa sconcertante pagina dedicata alla pochezza umana, vi mostriamo la prova, visto che continuate a vagheggiare che non esista, affinché sia voi che il presidente De Luca, alla cui attenzione arriverà in contemporanea, ve ne facciate una ragione. Hasta la Vista!

Caporedattore

Recent Posts

DON LORENZO MILANI E LA DIDATTICA DELLA PACE NELL’IRC, INCONTRO ALL’ISSR DI CAPUA

CAPUA - Don Lorenzo Milani, il sacerdote  della scuola di Barbiana, che pose in evidenza come…

2 ore ago

STALKING ED ESTORSIONE A SFONDO SESSUALE, ARRESTATA 51ENNE DEL CASERTANO

CASERTA - A seguito di un'articolata attività di indagine diretta dalla Procura di Santa Maria…

2 ore ago

SANTA MARIA A VICO, ARRIVA LA ‘MOVE WEEK’ DAL 22 MAGGIO: ATTIVITÀ PER COMBATTERE LA SEDENTARIETÀ

SANTA MARIA A VICO - Da domenica 22 maggio, fino a domenica 29 maggio, a…

2 ore ago

ELEZIONI VALLE DI MADDALONI, DOMENICO DELL’ANNO PRONTO ALLA COMPETIZIONE

VALLE DI MADDALONI - Domenico Dell’Anno, candidato sindaco della lista ‘diValle’, è prontissimo e determinato…

3 ore ago

GUERRA IN UCRAINA, ALL’UNIVERSITÀ VANVITELLI INCONTRO CON YASSIN AL-HAJ SALEH

CASERTA - Nell’Est dell’Europa imperversa una guerra che chiamano operazione militare speciale. Chi ha invaso…

4 ore ago

INDUSTRIA FELIX PREMIA LE 60 IMPRESE PIÙ COMPETITIVE DELLA CAMPANIA

NAPOLI - Sono 60 le società di capitali con sede legale in Campania che giovedì…

4 ore ago