AORN, REPARTI COVID SENZA FFP3…IL NURSIND SCRIVE E IL DG… SOFFRE

1

(f.n.) –Vengono i brividi al pensiero che sovente si punta il dito tanto per puntarlo o per attivare una scomposta rappresaglia, per reazione ad una determinata posizione della Direzione… e poi…le cose serie si mettono nel cestino della carta straccia e là rimangono nel tempo. Crediamo di aver compreso finalmente, il motivo (anche se era addirittura lapalissiano!), per il quale il Dg dell’Aorn, Gaetano Gubitosa, mostrava e mostra di non gradire che ci si candidi con il Nursing, ed…è inutile negare,  avendo egli, peraltro, offerto lettura della sua disapprovazione, in più di una occasione…Il Nursind è l’unico sindacato che scrive, ogni qualvolta ritiene necessario lasciare una traccia della richiesta di soluzione di un problema e laddove considera che si sia verificata l’ennesima ingiustizia, e non teme di apparire impopolare agli occhi semichiusi, miopi all’occorrenza e spalancati a comando, dei signori che sostano nella stanza dei bottoni…carucci. Il problema sollevato oggi dalla responsabile del coordinamento aziendale del Nursind Susan Covelli, è piuttosto serio e stupisce che possa essersi verificato in un momento di corposa ripresa del contagio Covid e che l’Azienda non si sia preoccupata di porvi immediato rimedio. Le scorte dei Dpi da destinare ai reparti Covid sarebbero esaurite…e forse sarebbe il caso che qualcuno si interrogasse…  A tale proposito la responsabile del coordinamento aziendale del Nursind Susan Covelli, ha infatti inviato una nota al Dg Gaetano Gubitosa e alla Ds Angela Annnecchiarico, alla responsabile dell’Uosd Servizio Prevenzione e Protezione, Margherita Agresti e alla responsabile del Provveditorato Teresa Capobianco, avente per oggetto la carenza dei Dpi. “Giungono voci preoccupanti dall’azienda Ospedaliera di Caserta, dove da circa una settimana sembrano essere terminate le scorte di mascherine ffp3, da destinare ai reparti Covid, dove l’ossigeno ad alte pressioni, utilizzato nella terapia, provoca una nebulizzazione tale, anche del virus, che rende inutile e inefficace l’utilizzo delle mascherine ffp2.  Eppure, nonostante l’alto numero di contagi e ospedalizzazione, soprattutto in questo periodo, pare che nel più grande Ospedale della provincia di Caserta le mascherine ffp3 siano finite, anzi verosimilmente, pare che colui il quale è addetto al rifornimento di tale presidio, abbia addirittura paventato una presunta sospensione della produzione. Mah?!?  Noi ci crediamo poco, anzi, visto che si continua a consigliare al personale di utilizzare le mascherine ffp2 in mancanza delle ffp3, ricordiamo a tutti, compreso il mega infermiere, addetto un po’ a tutto, anche all’approvvigionamento delle mascherine, che le stesse costituiscono un importante presidio di sicurezza così come stabilito dalla normativa vigente (81/08) e la mancata fornitura ai lavoratori costituisce reato perseguibile penalmente”.

Ma non sarebbe dunque meglio, invece di perdere tempo in chiacchiere filosofico-elettorali o indugiare nelle battute di caccia alla ricerca di chi “passa” le notizie scomode, pensare a dotare i reparti dei dispositivi obbligatori? Hasta la suerte companeros!

Caserta 04/03/2022 La segreteria territoriale  Antonio Eliseo

1 commento

  1. Sicura che l’81 parli di obbligatorietà di FFP3? da Rapporto ISS COVID-19 n. 2/2020 Rev. non sembra si nomini alcuna obbligatorietà specifica per FFP3, di fatto le equipara alle FFP2.

Comments are closed.