RISCOSSA DI MADDALONI CHIEDE UN TAVOLO TECNICO PER IL RIPRISTINO DELL’OSPEDALE

0

MADDALONI (CE) – Prosegue la campagna di “Riscossa di Maddaloni” per il ritorno all’ordinaria attività sanitaria del Presidio Ospedaliero di Maddaloni. Come sappiamo, il nosocomio maddalonese dallo scoppio della pandemia è stato delegato a centro covid. A quel tempo si doveva far fronte ad un’esigenza e la popolazione maddalonese ha risposto con la massima disponibilità e con senso di responsabilità. Adesso la situazione è totalmente diversa e cambiata in meglio. Per questo motivo il coordinatore del movimento Giuseppe Vigliotta ed il consigliere comunale dott. Claudio Marone hanno inoltrato una richiesta indirizzata al Direttore Generale dell’Asl Ferdinando Russo ed ai sindaci dei Comuni di Maddaloni, Arienzo, Cervino, San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico, Valle di Maddaloni per un “urgente convocazione” di un tavolo tecnico volto a definire un cronoprogramma per il ripristino delle funzioni assistenziali e di cura del Presidio Ospedaliero di Maddaloni. La richiesta è motivata non solo dal rallentamento della pandemia, ma anche e soprattutto all’ingolfamento del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Caserta. Nel documento non viene però meno la disponibilità a riservare dei posti letti ai pazienti covid: infatti i due rappresentanti propongono che l’ultimo piano della struttura venga riservato proprio a questa funzione. L’importante è che l’Ospedale di Maddaloni possa tornare ad essere punto di riferimento per i pazienti di un’area che da Maddaloni arriva a ridosso della provincia di Benevento o di Napoli. Anche questo sarebbe un ritorno alla normalità.