“CASERTA 1990-1997: LA PRIMAVERA CULTURALE SUL WEB” AL MUSEO MICHELANGELO

0
collage frammenti CASERTA 1990 1997: LA PRIMAVERA CULTURALE SUL WEB AL MUSEO MICHELANGELOCASERTA – Al Museo Michelangelo, lunedì 16 maggio dalle ore 16.30 alle 18.30
si svolgerà evento “Caserta 1990-1997: la primavera culturale sul web”, presentazione digitalizzazione di “Frammenti” e “Quaderni del Seminario” a cui seguirà il dibattito. Ad annunciarlo è La Ds dell’Istituto Tecnico Statale “Buonarroti” di Caserta Vittoria De Lucia, direttrice della biblioteca e museo.
L’incontro sarà l’occasione per
– testimoniare brevemente quell’incredibile momento culturale, sociale e politico della città col ricordo diretto di chi (operatori culturali, ricercatori, studiosi) lo visse in prima persona;
– analizzare il degrado culturale e sociale cittadino registrato negli ultimi decenni;
– suggerire strategie e visioni di futuro per la rinascita civica.
Caserta nel breve volgere di quegli anni (in particolare dal 1990 – 1997) visse eventi forieri di un futuro di grande cambiamento. Infatti, ebbe inizio l’episcopato di mons. Nogaro, segnato dall’attenzione ai migranti e alla denuncia del malaffare camorristico e fu eletto sindaco il prof. Bulzoni, prima esperienza politico-amministrativa di una giunta di partecipazione civica. Inoltre, gli studi culturali per la prima volta evidenziarono e portarono alla luce e divulgarono la storia casertana precedente la Reggia grazie a alla rivista “Frammenti” e ai “Quaderni della biblioteca del Seminario Vescovile di Caserta”, alla riedizione del volume di Tescione su Caserta medievale, alle ricerche e alla divulgazione promossa da Italia Nostra e dal Centro Studi “Daniele”. Di più: ci fu l’insediamento in città delle facoltà universitarie della Seconda Università degli Studi di Napoli (oggi Università della Campania “L. Vanvitelli”).
Sarà possibile visionare gli originali delle pubblicazioni in una piccola mostra documentaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui