INQUINAMENTO AMBIENTALE: URGONO I CONTROLLI

0
13

SPARANISE –  I cittadini di Sparanise fanno finta di niente e tirano a campare!  Da sempre restii alla partecipazione attiva sul loro territorio, crediamo non possano più desistere dal coinvolgimento in difesa di loro stessi e dei propri figli. Sono dieci anni che la centrale termoelettrica produce energia e utili ma non hanno avuto la forza, meglio ancora il coraggio, di installare una centralina, visibile alla popolazione che rilevi in maniera immediata i tassi di inquinamento dell’aria.  Come a dire meglio morire incoscienti che avere la benché minima percezione dei probabili pericoli.  E dire che questo territorio è già duramente colpito da un inquinamento profondo e massiccio (La discarica più grande d’Europa- Ex Pozzi, le falde acquifere inquinate, interdette alla popolazione per un lungo periodo, l’ex Tabacchificio i cui ammassi d’amianto si stanno sgretolando e si disperdono nell’aria trasportati dal vento ininterrottamente, giorno e notte). Il grave problema generale, sembra, non venga focalizzato dalle istituzioni come urgenza bensì si sposta l’attenzione, molto spesso, nel modo in cui giornalisti coraggiosi o Associazioni del territorio, rimasti ultimi baluardi della salvaguardia della salute, impostano il loro lavoro. E’ ora di finirla. Vogliamo che le istituzioni impongano, perché possono farlo, la tutela della salute dei cittadini, questi ultimi molto spesso, nemmeno informati adeguatamente dagli Enti preposti.

Parte il 13 luglio la manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale di Sparanise, “Terra Sapiens”, un evento che parla della cultura della terra, quella stessa che negli anni 60/70 ha portato interi nuclei familiari, provenienti soprattutto dal Piemonte a stabilirsi qui e a dar vita a moderne aziende agricole, che hanno promosso negli anni una cultura della produzione agricola avanzata.  Ci chiediamo, oggi chi verrebbe sul territorio dell’agro caleno ad investire per una qualsiasi produzione agricola? Senza presunzione rispondiamo, nessuno. Prima le bonifiche ed il controllo, poi si può sperare di ridare la vera connotazione al territorio, a vocazione agricola.

Stamane all’interno della Turbogas di Sparanise, presenti per un brindisi, i vertici svizzeri di Axpo e di Hera, a seguire un pranzo in un noto ristorante di Caserta (non ci è dato sapere se l’invito sia stato esteso a qualche politico. Non li abbiamo visti entrare anche se abbiamo saputo che è stato invitato il sindaco di Sparanise Salvatore Martiello ed il presidente del consiglio comunale Eliana Veltre). A loro e solo a loro, tanti auguri!

Carmen Testa