IL CARDINALE SEPE ENTUSIASTA DELLA CAPPELLA DI SANTA MATRONA

0

di Carmine Eliseo

SAN PRISCO – Una folla che lo ha accolto con grande fede e tanti curiosi che si chiedevano cosa faceva il cardinale Sepe a San Prisco, in questa città ai piedi dei Colli Tifatini, che la cronaca regionale descrive come una visita di questo autentico monumento della fede a Napoli che accetta l’invito di don Enzo di Lillo a visitare la cappella di Santa Matrona. In tanti devono sapere che sono tanti i nostri concittadini che operano in silenzio a Napoli, ed alcuni poco noti, con rapporti privilegiati con questo Vescovo Metropolita. Una Messa concelebrata con don Enzo di Lillo ed io suo collaboratore diretto, mentre presente il sindaco Domenico D’ Angelo che ha fatto gli onori di casa, ricevendo con la fascia tricolore il cardinale Sepe, segno di una fede viva per la Santa Protettrice della città di San Prisco. Alla fine della cerimonia, Sepe ha augurato a tutti una felice domenica con un invito ai fedeli di pregare per coloro i quali i quali stanno combattendo con il male del secolo e di aiutare i poveri. “A Maronn v’accumpagna” la sua parola magica che lui pronuncia mentre i fedeli, tra due ali, lo hanno accompagnato alla macchina con un applauso interminabile mentre gli occhi di don Enzo di Lillo brillavano per questa sorpresa che qualche cittadino ha voluto fare a questa comunità laboriosa che avrebbe bisogno di un po’ di serenità nell’ambito del consiglio comunale, dopo la brutta pagina di lunedì 22 marzo. Ma gli altri amministratori dove stavano?