ASL, 214 SOCIOLOGI PARTECIPANO AD UN BANDO MA…ERANO SU “SCHERZI A PARTE”

1

(f.n.) – All’ipotesi che lascia intravedere la possibilità che all’Asl ci sia da divertirsi, segue la tesi che dimostra come, talvolta, sia preferibile leggere le delibere e le controdelibere dell’Asl, anziché andare ad assistere alle rappresentazioni del teatrino parrocchiale. I più audaci parlano di baraccone, altri di abitudini circensi nonostante la carenza di acrobati, altri ancora di fantastiche parentesi nella banalità quotidiana… È indispensabile sottolineare comunque…che in Via Unità Italiana le beffe seguono la tradizione ed arrivano regolarmente dopo il danno.  Un esempio calzante che riflette senza margine di errore una dimensione manicomiale giunge, incidentalmente proprio da uno “psichiatra”, professionista del settore, il dottor Luigi Carizzone che dovrebbe “curare” l’Area della Salute Mentale dell’Asl ed evidentemente non riesce a fissare il punto di partenza… Nel 2015, reggenza Danzi, l’uomo di scienza  Carizzone, con delibera n. 621 del 27.01.2015, chiede che venga indetta, tra gli altri la selezione pubblica per due (2) Sociologi per la Linea progettuale Azione Salute Mentale 19.2. ma… la mente psichiatrica del dottor Carizzone fa cilecca e con delibera n. 388 del 12.03.2015, il direttore sanitario Danzi annulla la precedente per riproporre la richiesta, questa volta i Sociologi non sono due (2), bensì la richiesta è relativa a 4 unità. Amici vicinie  lontani…tranquilli…avete capito bene… 4 (quattro). Con delibera n. 979 del 08.7.2015, si recepiscono le istanze di partecipazione all’Avviso Pubblico e si nomina la Commissione esaminatrice. Con Protocollo n. 91775/PROS.SSAN, la Commissione pubblica “elenco ammessi e non ammessi al colloquio per il bando di selezione pubblica per titoli e colloquio per il reclutamento di 4 sociologi”. Un lavoro, come facilmente si può constatare, certosino e ben articolato. Nomi e cognomi, Valutazione titoli ed eventuali Motivi di esclusione. Ebbene…sono ben 214 i Sociologi che partecipano al bando. Ebbene… chi è risultato vincitore per i 4 posti messi a concorso? Dopo ben 3 anni di trepidante attesa, i 214 Sociologi sono costretti a leggere la Delibera n.  109 del 29.01.2018, in cui, audite, audite, annuncia la “Revoca della Delibera n. 388 del 2015, per la parte riguardante l’indizione selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il reclutamento di n. 4 Sociologi…..” Motivazioni?, e quali saranno mai le motivazioni valide, le spiegazioni o giustificazioni idonee a far sì che 214 persone, non si sentano autorizzate a dichiarare, con la nostra piena approvazione, che l’Asl di Caserta deve essere disinfestata dall’ incapacità  e dall’approssimazione? Il dottor Carizzone, si accorge che “i fondi necessari per il reclutamento di che trattasi non sono più disponibili…” (sic!). Abbiamo motivo di ritenere che per 214 volte i 214 Sociologi avranno pensato di essere su “scherzi a parte” e che tutti i loro sforzi, studi, approfondimenti, ansie e denaro investito, non sarebbero stati prodotti invano…Ebbene… è proprio così! Il dottor Carizzone che, a quanto pare ama trascorrere il tempo celiando….sembra che abbia preso in giro ben 214 sociologi. E’ appena il caso di sottolineare che il signore di cui sopra, dovrà cominciare a sbrigliare la fantasia per trovare 214 giustificazioni, una differente dall’altra…poiché non può pretendere che dopo tre anni, le reazioni dei beffati, siano uniformi…dopodiché dovrebbe prendere sottobraccio il suo direttore generale che ha avallato siffatta inqualificabile decisione ed avviarsi quindi “vicini vicini” verso l’uscita…Hasta la vista!

DELIBERA_REVOCA SOCIOLOGI

Allegati

1 commento

  1. tutto cio’ è mortificante, deprimente, stressante, ingiusto, fantasmagorico, ma possibile mai che la Asl di Caserta sia l’unico triste e vergognoso teatrino di siffatte puttanate eclatanti e fin troppo evidenti alla luce del sole ? Dove è la morale? la dignità? In mano a che tipo di pseudo professionisti ci troviamo? Ma quale anticorruzione, Responsabile di questo o di quello, questo è un bordello, altro che sodoma e gomorra, peggio…. ma molto peggio… almeno li si divertivano e qui invece qualcuno ( o meglio parecchi) si mangia il fegato ogni giorno, costretto ad un’umiliante autofagia quotidiana.

Comments are closed.