OSPEDALE, LA FURBIZIA DEL MANAGER IN ROTTA DI COLLISIONE CON LA COERENZA

6

(f.n.) – Tutto si potrà dire di noi “brutti, sporchi e cattivi” tranne che non siamo generosi…e proseguendo sul percorso tracciato, con grande piacere, forniamo alla direzione dell’Aorn di Caserta, nuovi elementi per aggiungere il 72esimo articolo al nutrito dossier a senso unico che si è tradotto in citazione nei nostri confronti. Del resto non eravamo rimasti vittima di alcun incantesimo …neppure nel momento in cui, con una mossa in verità, molto, molto intelligente, il manager aveva ripristinato le liste d’attesa di area medica, dopo anni ed anni di “inerzia & silenzi, concordati a tavolino”…, dopo anni ed anni in cui non era stato possibile effettuare alcun ricovero, se non passavi dal pronto soccorso, super controllato in virtù di un’unica password in possesso di un’unica persona e non ricevevi il benestare dagli amici degli amici riconducibili sempre e soltanto alla stessa persona, dopo anni ed anni di illegalità, nel silenzio assenso circostante, un lumicino… il manager ripristina le liste d’attesa…cioè si accorge che nell’Aorn da lui diretta da più di un anno e mezzo non esiste la lista d’attesa di area medica….la ripristina e va bene così…Qualcuno in perfetta buona fede, pensa ad una svolta…altri già “provati” da rappresentazioni-paraustiello di simile pezzatura, giustamente ritengono che anche questa volta si tratti di un accordo stipulato con l’hidalgo…Il manager mette in pratica questa bella mossa, così tutti, cioè noi poveri imbecilli con la nocca, saranno portati a pensare che si sia svincolato dal cerchio magico e che abbia deciso di cominciare a pensare e ad agire in autonomia…Chissà perché… viene in mente la favola di Cappuccetto Rosso…che non si accorge che la sua nonnina è in realtà il lupo mannaro con la cuffietta in testa…(Con tutto il rispetto per il lupo) “Ma che bocca grande hai nonnina?, si …per mangiarti meglio…”…e la dimostrazione che il manager abbia probabilmente parcheggiato un panzer sulla nostra buona fede, è dimostrato dal fatto che continua ad assecondare i desiderata del cerchio magico…vogliamo ripercorrere la lista dei concorsi ad hoc?, meglio tacere per vergogna…o per caso vogliamo interrogarci sulle contraddizioni apparenti….dopo lo scempio della Rianimazione…scempio accertato ed inconfutabile…dopo le tragedie che sono successe in quel reparto, dopo le pagliacciate del primario di Rianimazione…dopo gli innumerevoli pazienti che, uscendo da quel reparto hanno “unto” altri reparti?, il manager cosa fa?, niente…fa finta di sbraitare e tutto resta come prima…prende a caso due o tre nomi, giusto per far contento qualcuno e li strapazza spostandoli a destra e a manca…poi all’occasione, si chiude alle spalle la porta dell’ospedale, indifferente alle morti che avrebbero potuto essere evitate e se ne va a cena con il primario di Rianimazione, vero esempio di immunità extraparlamentare,  intrattenendosi in lieti conversari e risate spensierate?…E noi dovremmo credere alla sua buona fede?, ma davvero?,…e allora ci spieghi quale posto riserva al malato nella scala dei valori …perché noi cominciamo addirittura a credere che certe delibere senza senso, che lei caro signor manager dell’Aorn di Caserta, firma distrattamente,  abbiano un senso recondito, ma compiuto…Hasta la suerte!

6 Commenti

  1. Aspetteremo la riunione sindacale della settimana prossima. Assisteremo a ferrante che si autocelebrerà facendosi leccare i piedi dai sindacati presenti. Assisteremo alla consegna del solito documento scritto in pessimo italiano con frasi tutto in maiuscolo da parte del solito sindacato.assisteremo all’annuncio baldanzoso della promessa dell’aumento dei posti di coordinatore e poi tarallucci e vino e tutti a far finta di aver portato il risultato a casa. E i lavoratori presi per culo un’altra volta. Se avessimo le palle consrgneremmo tutti le tessere sindacali ma poiché siamo degli inetti codardi ci teniamo i sindacati di merda e un’amministratore che gioca a fare lo sceriffo

  2. Forse non sa che responsabile delle liste di attesa è un certo dott alfredo matano preso in prestito da un’altra graduatoria a tempo determinato e prossimo vincitore del concorso a 2 medici per direzione sanitaria. Lei pensa di riuscire con la Sua penna a scardinare il sistema? Mi fa tenerezza cara dottoressa. Sappia solo che le 2 famose dottoresse che erano state assunte in direzione sanitaria sono scappate vie senza lasciare traccia. Solo uomini e solo se ….come si chiamano le odalische di sesso maschile?

    • Mia cara, grazie dell’attenzione che ci riserva… Ovviamente non ho la presunzione di scardinare il sistema, ma ho il diritto-dovere di pubblicare tutto ciò che la mia costante ricerca mi porterà a conoscere. Per quanto riguarda le odalische al maschile potremmo provare con “gigolò” anche se, sinceramente, in questo caso mi sembra eccessivamente raffinato come termine…Proverei con qualche altra definizione casereccia ma…mi consenta di non pubblicarla…non vorrei uniformarmi troppo con il sistema…grazie

  3. Io personalmente non ho ancora compreso il ruolo e ancor più le capacità gestionali ed umane di questo direttore generale. Usa i modi bruschi licenziando medici che si sono ribellati al sistema, si cala le braghe davanti ai sindacati, fa finta di non vedere le incapacità gestionali della direttrice sanitaria e poi va a pranzo con primari incompetenti. Ma il suo ruolo non dovrebbe essere quello di gestire al meglio l’azienda pubblica dando il massimo del servizio e tutelando nel frattempo i lavoratori?ah no, scusi a questo dovrebbero pensarci i sindacati e il datore di lavoro. I primi fanno i cavoli propri il secondo invece pensa a rifare l’atrio per l’arrivo di de luca.

  4. Invece di licenziare primari conniventi con le infezioni, la direttrice sanitaria che non fa e non capisce una mazza, le coordinatrici che fumano nella loro stanza o dietro alla farmacia …., i dipendenti che cazzeggiano facendo selfi ….Ferrante spende i nostri soldi denunciando chi denuncia la malasanità? Ma chist è proprio na chiavica

  5. Cara dottoressa nardi mi dispiace smentirla ma a tutt’oggi ne neurologia ne geriatria ne medicina generale ne gastro hanno lista di attesa. Anzi se volesse indagare il paziente con sospetta celiachia fa prima ad andare a marcianise per fare indagine diagnostica (consiglio dato in reparto perché non ci sono medici ) e se avete problemi neurologici fate prima se andate alla neuromed la vi ricoverano e fate tutto in pochi giorni (detto da una infermiera alla figlia di una paziente che dopo un.ictus chiedeva informazioni per ricovero). Lo dica al direttore generale che scrive senza controllare che poi venga applicato

Comments are closed.