COLLETTORE CASMEZ, LA CONSIGLIERA CRISCI: COLPEVOLI QUESTA AMMINISTRAZIONE E LE PRECEDENTI

NAPOLI – Questa mattina alle 10 audizione in Regione, formalmente richiesta dal comune di Maddaloni,  presso la Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ per discutere degli “Allagamenti in tenimento di Maddaloni dovuti al collettore fognario di Via Cancello”. Presenti all’incontro con il presidente della III commissione Gianpiero Zinzi per affrontare l’annoso problema di Via Cancello, la consigliera Gaetana Crisci ed il presidente del Comitato ABC Fabrizio Crisci.

“Il Presidente del Comitato ABC ed io – dichiara la consigliera comunale – abbiamo appreso la notizia a mezzo stampa solo nel pomeriggio di ieri e pertanto considerata anche la presenza, sempre appresa a mezzo stampa, al tavolo dell’Assessore D’Alessandro, assessore Rivetti e assessore Liccardo in rappresentanza del Comune di Maddaloni, abbiamo ritenuto opportuno partecipare ai lavori. In particolare si ritiene doverosa la partecipazione del Presidente del Comitato ABC perché sempre impegnato nella denuncia delle problematiche di tutela ambientale, sanificazione del territorio e incolumità dei cittadini derivanti dalle esondazioni del collettore Ex Casmez. Denunce cadute nell’indifferenza generale delle istituzioni, in particolare delle amministrazioni comunali attuali e pregresse che non sono state nemmeno in grado di spingere per la sottoscrizione del protocollo d’intesa risoltosi anche esso in una bolla di sapone. Ci preme inoltre sottolineare che gli unici ad essere lesi sono i residenti di Via Cancello, per i quali oggi non esiste nemmeno un piano di evacuazione predisposto dalla Protezione civile, né sono stati predisposti interventi doverosi e necessari di sanificazione ambientale a tutela della salute dei cittadini ivi residenti. Tale responsabilità – conclude la consigliera Crisci – è certamente da imputare anche al Sindaco che ha specifiche competenze, attribuzioni e responsabilità in merito”.

Il sindaco Andrea De Filippo, ad inizio riunione, ha dichiarato: “Questa è l’ultima volta che cerchiamo una soluzione politico-amministrativa…dopodiché adiremo l’autorità giudiziaria penale”.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+