DISTRAZIONI, INDOLENZA & SEQUESTRI DI FATTO… NELLA CITTÀ DEL FORO

(f.n.) – Indolenza e distrazione provocano danni incredibili ma soprattutto rischiano di contribuire a gettare “palate” di ridicolo sui tribuni del popolo e sulla dirigenza dell’Asl. Quanto è accaduto questa mattina nei paraggi dell’Ospedale Melorio, anzi proprio sulla via di accesso al nosocomio sammaritamo…una traversa di Via Avezzana, svetta oltre l’assurdo…All’improvviso con gran frastuono di mezzi in movimento e clangore metallico, è stata eretta una cancellata che de facto impedisce ed impedirà il transito abituale delle ambulanze e di coloro che si recano verso la struttura sanitaria e relativo parcheggio. La strada, al momento “chiusa”, su cui insistono alcune civili abitazioni…risulta essere “in condominio”, in parte è proprietà dell’Asl ed in parte è privata…quest’ultima infatti appartiene ad uno dei proprietari delle abitazioni che affacciano sulla strada stessa. Quest’ultimo pare si sia avvalso di una sentenza del Tar di qualche tempo fa che avrebbe riconosciuto il suo diritto al possesso anche di quella parte di strada che apparteneva all’ASL. Ebbene se esista o meno il diritto di impedire improvvisamente, l’accesso ad un luogo pubblico a uomini e mezzi, non siamo in grado di affermarlo, ma che il proprietario, a questo punto di tutta la strada,  abbia mostrato di esercitare questo diritto…è un fatto. Le conseguenze, come si può facilmente immaginare, sono state disastrose per l’utenza dell’Ospedale ed allucinanti come il disagio provocato  ai residenti, praticamente “sequestrati”, non avendo alcuna possibilità di uscire…Ci si chiede se a qualcuno sia punta vaghezza di considerare gli inevitabili  problemi, che sarebbero sorti nel momento in cui, senza alcun preavviso, laddove fosse stato sufficiente un preavviso a giustificare l’assurdo,  si stravolgono la vita e la libertà altrui…E’ appena il caso di sottolineare che esiste un’ altra via di accesso all’Ospedale, ma è a senso unico e peraltro molto stretta, quindi la traversa che oggi è stata bloccata e dichiarata “privata” a tutti gli effetti, è l’unica via percorribile per le ambulanze che devono trasferire o trasportare i pazienti. A monte vi sono chiare ed inequivocabili responsabilità sia da parte del Comune che pare avesse espropriato una parte della strada privata, e sia risultato sordo ad ogni richiesta, sia da parte dell’Asl che non ha assolutamente mosso un dito quando sarebbe stato il caso di impugnare la sentenza del Tar. Anche il disagio allargato ad una comunità diventa un fatto privato…nel senso che…. i responsabili sono sempre altrove e quando sono in sede …non se ne accorgono…e se dovessero incidentalmente accorgersene, preferiscono giocare a fare i sordi…è la carta vincente di molte amministrazioni…Hasta la verguenza!

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+